domenica, Agosto 1, 2021
Home > Italia > La posizione della Lega Italiana dei Diritti dell’Uomo sul fenomeno immigrazione

La posizione della Lega Italiana dei Diritti dell’Uomo sul fenomeno immigrazione

< img src="https://www.la-notizia.net/diritti" alt="diritti"

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato emesso dalla L I D U  la Lega Italiana dei Diritti dell’Uomo, che con grande determinazione affronta il problema alla radice affinché possa essere risolto e non politicizzato e strumentalizzato come sembrerebbe stia accadendo a tutti i livelli Italia, Europa, Mediterraneo.

Un pressante invito a considerare una ipotesi che valuti il problema sul nascere creando condizioni di vita migliori nei paesi di origine. A tal fine la L I D U mette a disposizione le proprie commissioni di studio per una pronta risoluzione dei problemi.

Ettore Lembo

Di seguito il comunicato stampa: 

LA POSIZIONE DELLA LEGA ITALIANA DEI DIRITTI DELL’UOMO SU IMMIGRAZIONE DAL CONTINENTE AFRICANO

La Lega Italiana dei Diritti dell’Uomo (LIDU) non può astenersi dal prendere posizione sul tema attuale della difesa del nostro territorio dalla pressione di una immigrazione disordinata ma estremamente determinata nell’assalto all’Europa, continente nel quale gruppi umani di abitanti di altri continenti (l’Africa) si vogliono riversare. La valutazione politica del governo e giurisdizionale della magistratura sono due argomenti sui quali rinviamo a successivi momenti di maturata obiettività che non tarderanno a mostrarsi e consentiranno di esprimere opinioni più correttamente meditate.

Oggi ci limitiamo a considerare una ipotesi propositiva che valuti il problema sul nascere ed è su questa origine che la Lega Italiana dei Diritti dell’Uomo formula una proposta, dichiarandosi disponibile a dibattere il tema con tutti gli organismi che possano ritenerla interessante, siano essi elettivi o no. Noi crediamo che l’intenzione di aiutare nel loro Paese di origine essere umani che vogliano emigrare a fargli cambiare rotta per condurli a restare sul proprio suolo o a cercare una diversa meta, non sia stata una determinazione sbagliata. Se essa non ha avuto finora successo, e allora tentiamo di migliorarla.

Il progetto di creare migliori condizioni di vita nei Paesi dai quali il tentativo di esodo si forma e si sviluppa (i Paesi Africani) potrebbe seguire due binari, non paralleli ma convergenti. L’Europa dovrebbe organizzarsi, con il concorso di tutte le forze che compongono la Unione, sia pure con la prevalenza di alcune di esse, per concretamente creare condizioni favorevoli allo sviluppo economico e sociale degli specifici Paesi sui quali il fenomeno si manifesta in modo sempre più intenso, sia aumentando la potenzialità di sviluppo economico e sociale di altri Paesi africani, nel quali i migranti, sulla base di accordi non eludibili, potrebbero essere accolti e assistiti alle condizioni ritenute favorevoli per entrambe le parti. Le commissioni di studio che fanno capo alla organizzazione della Lega sono disponibili per confrontarsi con quei partiti, movimenti, organismi governativi e parlamentari per approfondire la questione.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
La Notizia.net è il giornale online con notizie di attualità, cronaca, politica, bellezza, salute, cultura e sport. Il direttore della testata giornalistica è Lucia Mosca.