sabato, Dicembre 7, 2019
Home > Sport in Pillole > Samb: presentato ufficialmente a stampa e tifoseria Paolo Montero

Samb: presentato ufficialmente a stampa e tifoseria Paolo Montero

< img src="https://www.la-notizia.net/montero" alt="montero"

di Marco De Berardinis

In un auditorium comunale gremito, il tecnico Montero ieri si è presentato così: “voglio un gruppo che lotti su ogni pallone”
Davanti ad oltre centro accreditati, tra giornalisti, fotografi e cine operatori, il neo tecnico Montero ha risposto alle numerose domande dei colleghi giornalisti presenti. Il tecnico rossoblu era affiancato dal presidente Franco Fedeli e dal direttore generale Walter Cinciripini.
Questo, uno stralcio, della conferenza stampa di presentazione.
“Ringrazio il presidente e Pietro Fusco che mi hanno voluto, non c’è stata quasi trattativa. Per me è un orgoglio tornare in Italia dopo tanti anni, l’Italia è la mia seconda casa, partire dalla Sambenedettese è molto importante soprattutto per la piazza. Prometto lavoro, una squadra con certezze e speriamo di far vedere un buon calcio e di essere protagonisti. Nel calcio di può perdere o vincere, ma bisogna dare tutto in campo”.

“Qualità e intensità mentale e giocatori che hanno fame sono le mie priorità. Questa è una città calda, si vede anche dai pochi giorni che sono qui. I giocatori dovranno essere comodi in questa città ma anche scomodi perché non avranno il posto assicurato”.

“L’impegno per me è tutto e anche lo spogliatoio è sacro, niente deve uscire dallo spogliatoio, il gruppo è famiglia. Il gruppo sano per me è quello che litiga, che si confronta”.

“Spero di far innamorare anche i tifosi della Samb non vendendo fumo, ma con i fatti. La squadra dovrà volere la vittoria e lottare su ogni pallone.”

“Voglio una squadra tecnicamente forte e che abbia intensità, non solo sulla corsa ma anche mentale. Poi per gli obiettivi finali vogliamo i play off. Obiettivi minimi non ci sono, pensiamo sempre al massimo”.

“Non so se riuscirò a portare alla Samb giocatori uruguagi perché i giovani nel mio paese costano molto, tutti gli allenatori uruguagi vogliono calciatori del loro paese. Siamo un miracolo del calcio mondiale, continuano a uscire calciatori dal nostro paese di appena 3 milioni di persone, l’uruguaiano cerca la gloria e ha fame di arrivare ad alti livelli”.

“Per quanto riguarda il modulo, partiamo da una difesa a 4, poi nel calcio le cose possono cambiare anche in corso d’opera. Vorrei iniziare il ritiro con 25 calciatori e alcuni giovani”

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994 al 2015 ha collaborato regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero, Il Resto del Carlino, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Nel 2009 è direttore del quotidiano teramano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Ora direttore della testata giornalistica on line la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: