venerdì, Febbraio 26, 2021
Home > Italia > L’Italia dei misteri e dei delitti irrisolti: dove si cela la verità?

L’Italia dei misteri e dei delitti irrisolti: dove si cela la verità?

orlandi

Che il 13 Luglio sia per i Carabinieri e per l’Italia una data importante, lo riferiscono gli atti che sanciscono il 13 luglio 1814 la fondazione di questo glorioso e prestigioso corpo militare, ancor prima dell’unificazione dell’Italia e cioè durante il Regno di Sardegna. Chissà per quale motivo, questa data importante non viene adeguatamente ricordata. Eppure l’Arma, che ha visto crescere nel proprio ambito uomini di indubbio valore e spessore ha fatto sì che con la sua sempre discreta ma decisa ed efficace presenza diventasse uno dei principali punti di riferimento per il popolo Italiano in tutti i tempi tanto da meritarsi l’affettuoso ma sincero appellativo di Carabinieri: “Fedele nei Secoli”.

Bisogna ricordare che nella stessa data, ma appena 40 anni fa, il 13 Luglio 1979, veniva ucciso un suo eccellente Ufficiale, delitto avvenuto sul lungotevere Arnaldo da Brescia, a pochi passi dalla centralissima Piazza del Popolo a Roma, il Tenente Colonnello Antonio Varisco, investigatore di grande capacità e custode di misteri di cui ancora oggi, non si è venuti a capo. Ancora il suo assassinio lascia molti, troppi interrogativi.
Chi lo uccise? Perché? Paradossalmente era ben voluto e rispettato anche da efferati criminali per la sua umana … umanità, per la sua cortesia e gentilezza che non escludeva la rigidità e la durezza che il suo ruolo gli imponeva.

Indagava, riceveva confidenze, incontrava personaggi della magistratura, banchieri, politici, lavorava su dossier scottanti, che hanno attraversato la politica
Italiana e non solo. Il caso Mattei, il caso Sindona, lo scandalo dello IOR, il caso Pecorelli, il caso Moro, giusto per citarne alcuni, tutti rimasti irrisolti, con risvolti internazionali. Insomma una vera e propria memoria storica, un archivio vivente.

Strano che nella cassaforte dove si diceva vi fossero tutti i documenti che lui aveva conservato, si trovarono solo pochi effetti personali…. Ma anche questo fa parte dei misteri d’Italia, contaminata nel tempo da scandali e da casi irrisolti.

Fa riflettere ciò che è avvenuto in questi giorni riguardo al caso di Emanuela Orlandi. L’ennesimo “nulla di fatto” (anche se sembrerebbero esserci recenti novità le cui conseguenze portanno essere valutate solo tra diversi giorni) dopo incredibili aspettative di improbabili soluzioni e peggio improbabili catastrofici scenari. Tutto questo –  i misteri insoluti, che meriterebbero di essere sciolti, in una Italia dove governi eletti dal popolo non hanno spesso risposto alla volontà degli elettori, dove chi deve indagare e chi deve giudicare si trovano spesso a scontrarsi con qualcosa che va al di là della giustizia – , non possono che far sorgere una domanda: esiste un potere non costituito che ci governa tutti?

Ettore Lembo

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *