martedì, Ottobre 19, 2021
Home > Italia > Alitalia ad un punto di svolta: quattro le dichiarazioni di interesse. Al via il rilancio?

Alitalia ad un punto di svolta: quattro le dichiarazioni di interesse. Al via il rilancio?

distastro alitalia

Alitalia ad un punto di svolta. Sono quattro le buste contenenti la dichiarazione di interesse, per partecipare alla cordata, giunte ieri sera a Mediobanca, advisor delle Fs. Le offerte sono pervenute da parte di Atlantia ma anche da Toto, Claudio Lotito e il patron di Avianca, German Efromovich. La banca aveva richiesto ai gruppi di formalizzare il loro interesse, presentando le appropriate garanzie necessarie all’investimento. Il presidente della Lazio Lotito, fanno notare fonti a lui vicine, “entro i termini ha presentato tutta la documentazione necessaria dimostrando di essere un imprenditore che rispetta gli impegni presi, solido e capace”.

“Sono state presentate  – ha spiegato ieri attraverso un post pubblicato sui social il vice premier Luigi Di Maio – quattro offerte per la nuova Alitalia. Hanno avanzato un’offerta economica il patron della compagnia aerea Avianca, il gruppo Toto, il gruppo Atlantia e il patron della Lazio Claudio Lotito. È una buona notizia. Ci sono più possibilità di scelta.

Come ho assicurato, domani (oggi per chi legge ndr)  – 15 luglio – si chiudono i termini per la formazione del consorzio di imprese che dovrà rilanciare la nuova Alitalia.
Domani è una giornata importante, perché il Consiglio di Amministrazione di Ferrovie dello Stato dovrà scegliere il partner (o i partner) con cui iniziare il percorso per la nuova Alitalia. Auspico che si scelga tra le offerte più ambiziose e non tra quelle più conservative”.

E aggiunge: “Quando mi sono insediato al ministero dello Sviluppo economico ho promesso ai cittadini italiani che non avremmo solo salvato Alitalia, ma che l’avremmo rilanciata con un piano ambizioso che prevedesse la presenza dello Stato nella compagine societaria. Questo perché abbiamo bisogno che la nuova Alitalia contribuisca alle politiche turistiche del Paese, andando a prendere turisti in tutto il mondo sulle rotte di lungo raggio, per portarli nel Paese più bello che c’è: l’Italia. Così fanno in Francia con Air France e in Olanda con KLM.

La quota maggioritaria della nuova Alitalia sarà costituita da Ferrovie dello Stato e dal ministero delle Economie e Finanze, che ne possederà il 15%”.

“Alla compagine di Stato  – conclude – ha manifestato interesse ad affiancarsi Delta Airlines, una delle migliori compagnie al mondo, a dimostrazione della bontà dell’operazione di mercato che è stata messa in campo. Ora manca il “quarto elemento”. Entro domani si dovrà scegliere tra le offerte pervenute e mettersi al lavoro per avviare il confronto con i dipendenti per chiudere l’accordo sindacale. Voglio essere l’ultimo ministro che si occupa di Alitalia. Torniamo a farla volare in tutto il mondo, a testa alta!”

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net