sabato, Ottobre 16, 2021
Home > Italia > La nave Alan Kurdi non farà rotta verso Tripoli. “La Libia non è un porto sicuro”

La nave Alan Kurdi non farà rotta verso Tripoli. “La Libia non è un porto sicuro”

< img src="https://www.la-notizia.net/mediterranea" alt="mediterranea"

La nave Alan Kurdi della Ong tedesca sea-eye ha ricevuto dalla Guardia costiera libica una mail in cui si indica l’assegnazione di Tripoli come porto sicuro di sbarco.

“Noi obbediremo al diritto internazionale  – si legge sul profilo Facebook di mediterranea Saving Humans – e non riporteremo nessuno in un paese in guerra. La Libia non è un porto sicuro”. Questa la risposta della Ong tedesca che ha fatto sapere di aver ricevuto via mail anche la notifica del divieto di ingresso in acque italiane firmato dai ministri Salvini, Toninelli e Trenta così come previsto dal decreto sicurezza bis.

La Alan Kurdi, che si sta dirigendo a Nord, dice di non voler violare il divieto e si appella all’Europa affinché venga trovata una soluzione negoziata per l’accogliena dei 40 migranti. A bordo della nave, che sta comunque facendo rotta verso Lampedusa, ci sono anche due neonati e un bimbo molto piccolo e le condizioni meteomarine da domani sera sono in netto peggioramento. Nel frattempo il ministro dell’Interno Italiano, Matteo Salvini, fa sapere che “Cinque Paesi Europei e strutture dei Vescovi Italiani, ospiteranno i 116 immigrati a bordo della nave Gregoretti: lavoro fatto, missione compiuta! P.S. Per questa vicenda Legambiente (???) mi ha denunciato per SEQUESTRO DI PERSONA, rischio fino a 15 anni di carcere…Roba da matti, IO NON MOLLO”.

“Una soluzione europea  – scrive invece Macron sui social – è stata trovata per le donne e gli uomini bloccati sulla nave gregoretti. Arriveranno in Italia, poi saranno accolti in 6 Paesi, tra cui la Francia. Il nostro paese è fedele ai suoi principi: responsabilità, solidarietà e cooperazione europea”.

L’annuncio del presidente francese sembrerebbe voler sottolineare la disponibilità di Parigi, a fronte dell’indisponibilità di Salvini, a partecipare al vertice di qualche giorno fa nel quale si era parlato della redistribuzione dei migranti nell’Ue. Tutti i Paesi che accoglieranno i 116 erano presenti a quel vertice.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net