martedì, Ottobre 26, 2021
Home > Arte, Cultura e Spettacoli > Anticipazioni per “LA GRANDE STORIA” di Paolo Mieli del 2 agosto su RAI 3: Speciale “Bologna, 2 agosto 1980. La strage”

Anticipazioni per “LA GRANDE STORIA” di Paolo Mieli del 2 agosto su RAI 3: Speciale “Bologna, 2 agosto 1980. La strage”

La-Grande-Storia del 24 gennaio

Anticipazioni per “LA GRANDE STORIA” di Paolo Mieli del 2 agosto alle 15.10 su RAI 3: Speciale “Bologna, 2 agosto 1980. La strage”

Oggi venerdì 2 agosto, alle 15.10 su Rai 3 La Grande Storia dedica alla strage di Bologna del 2 agosto 1980 uno speciale di 50’.

Uno speciale che ricostruisce, a partire da un’accurata ricerca negli archivi televisivi e radiofonici, la drammatica giornata del 2 agosto e quelle seguenti: le prime ipotesi di un incidente, la scoperta della matrice terroristica dell’esplosione, la disperata ricerca dei familiari da parte di chi, come Torquato Secci, arriva a Bologna senza sapere niente su cosa è successo a suo figlio.

Bologna, 2 agosto 1980. La strage racconta quel maledetto sabato d’agosto a partire dalle memorie di tre vittime dell’attentato: Paolo Lambertini, figlio di Mirella Lambertini, impiegata in stazione, morta nella strage; Marina Gamberini, anche lei impiegata, sopravvissuta alle sue colleghe dopo essere stata sepolta per ore sotto le macerie e diventata suo malgrado il volto della tragedia in seguito a una celebre fotografia del suo ritrovamento, ripresa da tutti i giornali. L’ultima testimone è Anna Pizzirani, madre di una bambina che rimarrà ferita nell’esplosione, attiva collaboratrice dell’Associazione Familiari della strage del 2 agosto e oggi sua vicepresidente. Le loro testimonianze non si limitano soltanto al racconto della bomba in stazione ma agli eventi che ne sono seguiti: la solidarietà della città di Bologna, la difficile partecipazione ai processi, la costituzione dell’Associazione familiari delle vittime, la prima in Italia, il senso che ha oggi ricordare la strage.

Bologna, 2 agosto 1980. La strage racconta anche le indagini che porteranno i magistrati bolognesi a emettere una condanna contro gli esecutori materiali della strage. Sentenza ribadita dalla Corte di cassazione il 23 novembre 1995.

Bologna, 2 agosto 1980. La strage è, infine, soprattutto un doveroso omaggio a chi negli anni non ha mai smesso di chiedere verità e giustizia, ovvero l’Associazione familiari delle vittime, la città di Bologna, le sue istituzioni e i suoi cittadini da sempre presenti in piazza Maggiore ogni 2 agosto. Lo speciale è dedicato alla memoria di Torquato Secci, primo presidente dell’Associazione familiari del 2 agosto.