lunedì, settembre 16, 2019
Home > Italia > Renzi-Grillo, colpo di fulmine o colpo di sole?

Renzi-Grillo, colpo di fulmine o colpo di sole?

< img src="https://www.la-notizia.net/renzi" alt="renzi"

Renzi-Grillo, colpo di fulmine o colpo di sole?  “Agli attacchi quotidiani che ricevo dai miei compagni di partito oggi si sommano gli insulti di Beppe Grillo. L’uomo che un tempo mi chiamava “ebetino”, adesso mi definisce “avvoltoio”. Non male, dai, si migliora. Ma non c’è insulto che possa fermarmi: davanti a Capitan Fracassa che chiede pieni poteri e culla l’antico sogno di uscire dall’Euro, io sopporto ogni insulto e insisto sul Governo Istituzionale. Per la mia immagine e per il mio tornaconto personale sarebbe meglio stare in un angolo ad aspettare lo sfascio. Ma il bene comune viene prima dell’interesse dei singoli. Prima si pensa all’Italia, poi agli interessi di parte. Buona settimana di Ferragosto”.

Così Matteo Renzi sul proprio profilo Facebook in risposta a Beppe Grillo che, nel suo blog, parla di sceriffi ed avvoltoi, nel secondo caso, sembrerebbe, con riferimento all’ex premier targato PD. Se così fosse, l’amore appena sbocciato con l’intento di salvare l’Italia, sarebbe già svanito come una vampata di calore estiva. Una relazione flash, con poche controindicazioni. Se non fosse per il fatto che tra un fugace amore e l’altro, l’Italia si trova  sempre più sballottata in balìa della bufera.

«Ahi serva Italia, di dolore ostello, / nave sanza nocchiere in gran tempesta, / non donna di provincie, ma bordello!», scriveva  Dante, che di vicende politiche ne sapeva qualcosa, al verso 76 del canto VI del Purgatorio.


“Lo sceriffo è in fuga dalla città – scrive Grillo -, attraversa a gran velocità gli stati del sud accolto da un oceano di fischi. “Ma come scappi dal tuo dovere cercando rifugio qui… per chi ci hai preso sceriffo?” Molti hanno addirittura disseppellito il vaffanculo in Sicilia, così, senza passare dal suo ufficio, è in corsa a chiedere mezzi all’ex cavaliere disarcionato (del porco non si butta via niente). Intanto volano degli avvoltoi di nuova generazione: gli avvoltoi persuasori. E’ una nuova specie di sciacallaggio: invece di aspettare la fine cercano di convincerti che è già avvenuta. Non sono elevati, non volano neppure. In realtà strisciano veloci fra gli scranni: ma è soltanto un’illusione, nient’altro che un’illusione dovuta alla calura. Quando queste defezioni e quelle allucinazioni saranno passate basta farsi trovare uniti e parlare unicamente con gente elevata e non in caduta libera”.

Nella calura ferragostana, l’improvviso idillio tra Renzi e Grillo rischia così di svanire come un miraggio all’orizzonte. Ciò che rimane, tra evocazioni di Capitan Fracassa e colorite immagini prese in prestito dal mondo animale, è solo molto rumore per nulla.

Lucia Mosca

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: