domenica, Ottobre 17, 2021
Home > Marche > Pesaro, “Parlateci di Bibbiano”: adesivi sulle tabelle turistiche, è polemica

Pesaro, “Parlateci di Bibbiano”: adesivi sulle tabelle turistiche, è polemica

< img src="https://www.la-notizia.net/pesaro" alt="pesaro"

PESARO – Compaiono adesivi con su scritto “Parlateci di Bibbiano” sulle nuove tabelle turistiche a Pesaro. La segnalazione viene fatta da un cittadino attraverso i social. Ed è polemica.

“Ecco il dono  – scrive – che oggi è stato fatto al centro della città. Gran parte delle nuove tabelle turistiche (e non solo…) vandalizzate con adesivi enormi che invitano, non si capisce chi, a “parlare di Bibbiano”.

No so se provo più schifo verso coloro che imbrattano e rovinano la nostra città, danneggiando un patrimonio collettivo realizzato peraltro con i soldi di ciascuno, o pena verso quei miserabili che strumentalizzano a fini neppure politici ma di banale bottega di partito (come quella P verde e la D rossa fanno chiaramente intendere) una vicenda dai contorni terribili che, qualora dimostrata, testimonierebbe il livello infimo e miserabile cui è capace di sprofondare la specie umana, quando antepone al bene comune ed altrui il proprio tornaconto personale.

Beh vi parlo io di Bibbiano vili insudiciatori della casa di tutti, così pavidi e pieni di vergogna per le vostre intenzioni oscene, che violentano quei bambini e quelle famiglie ancora una volta usando con leggerezza e per tornaconto elettorale le loro drammatiche vicende: e vi dico che voi siete peggio di coloro che sono imputati in quel processo. A loro va riconosciuto il sacrosanto diritto alla presunzione di innocenza, sancito nella nostra Costituzione e scolpito nei cuori di tutti coloro che hanno intenzione di vivere in uno Stato di diritto.

A voi no. Voi siete già manifestamente colpevoli di viltà, sciacallaggio e deturpamento. Ora parlateci voi di Pesaro se ne siete capaci”.

Il post innesca inevitabilmente una serie di reazioni, di varia natura. Ne riportiamo solo alcune.

“Anche questo suo post lo trovo una forma di strumentalizzazione. Queste etichette sono scorrette, vero, ma se non fosse stato per tanta gente che ha tenuto viva l’attenzione su questa vicenda, ancora tutta da indagare, sarebbe stata insabbiata come sempre stato in Italia. Mettere allo stesso livello chi ha strappato dei bambini alle loro famiglie, con chi “ci marcia” un po’, non mi sembra giusto”. E ancora: “La verità a volte è dura… gli adesivi si staccano, il male si bambini rimane!!”; “Quello che é successo a Bibbiano é maledettamente schifoso, ma speculare sulla vicenda per meri fini politici viene immediatamente dopo”.

E infine: “Parlateci di Bibbiano all’infinito! I bambini sono fonte di reddito e finché si guarderà solo al proprio sporco profitto ci saranno tante Bibbiano. Io penso che è solo la punta dell’iceberg. Spero in una magistratura onesta…che condanni chi ha sbagliato, cosa che purtroppo non è accaduto fino a ieri”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net