lunedì, Ottobre 18, 2021
Home > Arte, Cultura e Spettacoli > Anticipazioni per “PETROLIO” del 17 agosto alle 8.25 su RAI 1: Latte Revolution

Anticipazioni per “PETROLIO” del 17 agosto alle 8.25 su RAI 1: Latte Revolution

Anticipazioni per “PETROLIO” del 17 agosto alle 8.25 su RAI 1: Latte Revolution

(none)

Replica della puntata dedicata al latte dal titolo “Latte Revolution” quella di “Petrolio” in onda sabato 17 agosto, alle 8.25, su Rai1.
Il latte è il primo alimento, il primo contatto con il mondo esterno. Una fonte di energia fondamentale per l’uomo, che nei climi rigidi del Nord ha contribuito all’allungamento della sua vita media. Eppure, in tutta Europa, oggi la sopravvivenza degli allevatori dipende dalla capacità di riuscire a produrre latte di grande qualità al prezzo più basso possibile.
L’iperproduzione provoca il crollo del prezzo e il latte diventa una materia prima a basso costo.
Petrolio è poi in Sardegna per raccontare la rivolta dei pastori Sardi, che accusano i produttori del pecorino romano e il consorzio regionale di non vigilare sul rispetto delle quote di produzione.
In Europa le condizioni di lavoro e di produzione sono addirittura peggiori. Grazie al racconto del regista Andreas Pichler, con il suo documentario pluripremiato “Milk System”, si vedrà come i produttori di latte europei “sopravvivono”, costretti ad adeguarsi alle regole rigide e spietate della grande distribuzione.
Duilio Giammaria intervista Carlo Petrini, il fondatore di Slow food, in collegamento da Bra, in Piemonte. La sua visione è chiara: “Tutti i consumatori sono coinvolti in prima persona in questo gioco al ribasso.” E, allora, l’allevamento biologico è davvero la soluzione?
Due realtà, due mondi a confronto: la Cina, con il suo modello industriale che ha cominciato a produrre latte in maniera indipendente creando un’offerta che attrae molti investitori europei, e l’alto Adige, dove una fattoria biologica propone un modello di produzione sostenibile.
Infine, la salute: il latte fa bene o fa male? Quali sono i miti da sfatare? E quanto conta l’allattamento naturale nei primi mesi di vita?