mercoledì, Ottobre 20, 2021
Home > Marche > Atenei marchigiani: in quanti lavorano e quanto guadagnano dopo la laurea

Atenei marchigiani: in quanti lavorano e quanto guadagnano dopo la laurea

< img src="https://www.la-notizia.net/unimc" alt="unimc"

Ancona – Quali sono le università che permettono di trovare un posto di lavoro? E quanto si guadagna dopo aver conseguito la laurea? L’Infodata del Sole 24 ore con le statistiche aggiornate del 2018 del consorzio Alma Laurea ha classificato le università per numero di occupati, tre anni dopo il titolo e il reddito percepito dai neo dottori.

In quanto ad occupazione svettano la LIUC Carlo Cattaneo e l’Insubria entrambi di Varese dove gli occupati sono il 95% dei neolaureati. Per il reddito la media è rispettivamente di 1.622 euro e di 1.522.

Ma che dire degli atenei marchigiani? Sono quattro quelli presi in considerazione. Chi esce dall’Università Marche Politecnica trova lavoro per un 89%. La retribuzione media è di 1.389 euro. Dalla Carlo Bo di Urbino trovano lavoro l’83% dei laureati. La retribuzione è in media di 1.201 euro. Risultato simile per Camerino: 82% di occupati e 1.150 euro di reddito. Da Macerata un 78% di neolaureati ha trovato lavoro. Il reddito è però di solo 1.109 euro.

In fondo alla classifica italiana Enna Kore con il 57% di occupati e 867 euro di stipendio. Chiaramente l’occupazione può dipendere dalla zona e dalla regione. In alcune aree depresse anche i laureati del territorio trovano difficoltà a essere collocati.

In media nelle province di Pesaro/Urbino, Ancona e Macerata l’occupazione in generale si aggira intorno al 65%. Quindi se un neolaureato ha più possibilità di trovare lavoro rispetto alla popolazione in generale, la retribuzione media di chi  esce dagli atenei considerati in questo contesto non è così elevata come si potrebbe immaginare.

 

Roberto Guidotti

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net