martedì, 25 Febbraio, 2020
Home > Marche > San Benedetto del Tronto, al Circolo Nautico la prima nazionale del saggio “La violenza non ha sesso”

San Benedetto del Tronto, al Circolo Nautico la prima nazionale del saggio “La violenza non ha sesso”

< img src="https://www.la-notizia.net/saggio" alt="saggio"
ANTONELLA BAIOCCHI PROMUOVE UNA NUOVA INTERPRETAZIONE DELLA VIOLENZA: IL DEBOLICIDIO 
SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il 29 agosto ore 21,15, al Circolo Nautico Sambenedettese, si è tenuta  la prima Nazionale della presentazione del Saggio  LA VIOLENZA NON HA SESSO, un contributo alla crimino-genesi della violenza nella relazione affettiva, che propone una interpretazione innovativa che sconvolge l’ordinaria interpretazione della Violenza, vista universalmete come Unidirezionale (dell’Uomo verso la donna) e proposta invece come dinamica BIDIREZIONALE: stravolge i rassicuranti confini tra il bene e il male, il giusto e l’ingiusto, la normalità e la devianza ed impedisce di banalizzare questi atti cruenti come esiti di raptus, follia o violenza di genere.
Un Saggio presentato dall’associazione I Luoghi dell Scrittura, che  la Alpes Italia Eitori (nota casa Editrice di pubblicazioni scientifiche del mondo della psiche) non si è lasciato sfuggire e che ha pubblicato in tutta Italia il 25 luglio scorso. Presentato da Mimmo Minuto, Moderato dal Consigliere Comunale avvocato Gianni Balloni, all’evento interverranno anche due prestigiosi professori: Gilberto Mosconi dell’Università di Camerino (UNICAM) e Ninfa Contigiani dell’Iniversità di Macerata (UNIMC).
Antonella Baiocchi, affermata psicoerapeuta e specialista in criminologia, ritiene che il nucleo del problema sia nell’Analfabetismo Psicologico ( piaga da sempre presente e non ancora debbellata nel terzo millennio e che riguarda ogni Persona, indipendentmeente dal genere), che tra le gravose conseguenze, induce alla Gestione Dicotomica delle Divergenze, “un vero e proprio programma infetto”, che prevede la prevaricazione di uno dei poli della relazione e il conseguente fallimento del Reciproco Rispetto: “Chiunque gestisce le divergenze in modo dicotomico (indipendentemente dal sesso, dall’età e dallo stato di salute), quando si troverà nella posizione di Forza (fisica, economica, di ruolo, psicologica), tenderà a prevaricare l’interlocutore in posizione di Debolezza: donne ed uomini ‘fragili’, bambini, anziani, animali”.
L’Analfabetismo espone chiunque, quindi  al pericolo di diventare Vittima o Carnefice. Affermare che la Violenza non è unilaterale «Uomo verso Donna» non è un atto ostile verso la Donna!  E’ innegabile che le Donne siano socialmente svantaggiate e più esposte alla vittimizzazione anche criminale!  Ma per debellare la Violenza, è necessario capire che il problema non è il Maschio ma l’Analfabetismo Psicologico di cui sono Vittima sia gli Uomini che le Donne! L’autrice afferma che la Violenza non ha sesso, né età, né cultura, né razza e suggerisce di sostituire la miriade di neologismi che si coniano per specificare i diversi tipi di vittime (femminicidio, femicidio, infanticidio, uxoricidio, etc.) con un neologismo unico rappresentativo di ogni tipologia di vittima: il termine Debolicidio, inteso come prevaricazione/uccisione di chi si trova in situazione di debolezza. Il saggio punta l’attenzione anche su un aspetto oggi ignorato dalla nostra società: l’uomo che subisce violenza relazionale è attualmente tra gli esseri viventi meno tutelati in quanto, a causa dei retaggi culturali ha enorme difficoltà ad emergere dal silenzio e lo Stato non ha investito un euro per tutelarlo.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994 al 2015 ha collaborato regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero, Il Resto del Carlino, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Nel 2009 è direttore del quotidiano teramano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Ora direttore della testata giornalistica on line la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *