venerdì, Ottobre 22, 2021
Home > Marche > Pesaro, condannata e liberata la badante che sequestrò coppia di anziani

Pesaro, condannata e liberata la badante che sequestrò coppia di anziani

lanciano

PESARO – Aveva tenuto segregata per due giorni in casa una coppia di anziani. La chiamata alle forze dell’ordine era arrivata da parte del figlio 49enne. La badante, 42 anni, di nazionalita’ ucraina, avrebbe praticamente chiuso i due nella loro abitazione, avrebbe bevuto alcolici e fatto in modo che la coppia non potesse usare il telefono. Ora è arrivata la condanna a 9 mesi di reclusione (pena sospesa). La vicenda risale allo scorso marzo. I due avrebbero cercato di uscire di casa ma la donna li avrebbe riportati dentro. Solo ad un certo punto, l’anziano, approfittando dello stato di alterazione della donna, sarebbe riuscito a chiamare il figlio. Ma la badante se n’è accorta in tempo e riuscendo a chiudere la conversazione. Fortemente preoccupato della situazione, il figlio si sarebbe quindi recato presso l’abitazione dei genitori, trovando la donna visibilmente ubriaca. La badante avrebbe addirittura aggredito verbalmente il figlio della coppia e gli avrebbe lanciato contro oggetti presenti in casa. Da qui l’arresto. In fase processuale sono però emersi ulteriori dettagli: la badante avrebbe avuto relazione di tipo sentimentale con l’anziano che in una seconda fase avrebbe ripreso in casa la moglie, dalla quale era separato, ma da accudire in quanto malata. E da qui sarebbero scaturiti i guai. La badante è stata in ogni caso scarcerata, in quanto dietro le sbarre dallo scorso mese di marzo. Escluso il reato di maltrattamenti in famiglia, ma confermate le accuse di sequestro di persona, tentata violenza privata e danneggiamento.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net