sabato, Ottobre 16, 2021
Home > Mondo > Trump “autografa” il muro col Messico

Trump “autografa” il muro col Messico

< img src="https://www.la-notizia.net/muro" alt="muro"

“Un progetto formidabile”. Così il presidente Trump ha definito il Muro al confine col Messico che ha autografato durante la sua visita ad una zona di frontiera a Sud di San Diego. “Ho sempre immaginato un muro di cemento, sarebbe stato facile da realizzare” ma anche questa barriera di metallo “è impossibile da scavalcare e anche se un atleta riuscisse a farlo l’atterraggio sarebbe molto doloroso”, ha ironizzato. Il Muro è stato progettato per assorbire calore in modo tale da rendere proibitiva la sua scalataIl muro di confine è diventato letteralmente il progetto firma del presidente Donald Trump mercoledì.

“Ci sono migliaia di persone laggiù che cercavano di entrare prima che questa parte della barricata fosse eretta”, ha detto Trump, che ha descritto il lavoro che ha ispezionato mercoledì pomeriggio come “piuttosto sorprendente”.

Il presidente degli Stati Uniti ha dichiarato ai giornalisti che fino a 800 chilometri di mura di confine, spesse circa 1 metro, erano in costruzione, ma che era prematuro porre fine all’emergenza nazionale dichiarata in risposta ai tentativi dei migranti di attraversare illegalmente il confine dal Messico.

“Penso che il successo sarà davvero quando il muro sarà costruito, quando i trafficanti di esseri umani non potranno attraversare”, ha detto Trump. “Questa è certamente una tremenda emergenza nazionale”.

La barriera di confine che si sta costruendo ha lo scopo di scoraggiare anche le operazioni di contrabbando, secondo il presidente.

Trump ha detto ai giornalisti che altri tre paesi stavano studiando il nuovo tipo di muro nella speranza di costruirne uno proprio. Ha detto che avrebbe rivelato i nomi di quei paesi se avesse ottenuto la loro approvazione.

Trump ha anche affermato che il governo degli Stati Uniti fermerà la prossima settimana la “cattura e liberazione” di persone prive di documenti che cercano di entrare nel paese, qualcosa a cui la sua amministrazione si è opposta dall’inizio.

“Nella misura in cui hanno rilasciato persone che sono state catturate, è stato solo a causa di vincoli di risorse nel sistema giudiziario dell’immigrazione o nel sistema di detenzione”, ha detto Chishti di MPI. “Non c’è motivo di credere che uno di questi fattori sia stato affrontato nel recente passato, quindi mentre l’amministrazione può annunciare la fine della cattura e del rilascio, senza un effetto”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net