sabato, Ottobre 16, 2021
Home > Italia > L’Italia secondo Matteo

L’Italia secondo Matteo

< img src="https://www.la-notizia.net/matteo" alt="matteo"

Ci hanno insegnato, almeno a chi ha conoscenza della tradizione cattolica, a conoscere il Vangelo Secondo Matteo e di sicuro mai avremmo immaginato di dover interpretare la vita politica Italiana, e non solo, secondo Matteo. Mentre nelle sacre scritture del Vangelo l’apostolo Matteo è uno ed uno solo, nello scenario Italiano  dobbiamo considerare almeno tre Mattei che attenzionano in maniera più o meno mediatica la vita politico/sociale Italiana.
Una triade che ricorda un celebre film del 1966 di western all’Italiana, “il buono, il brutto ed il cattivo” girato da Sergio Leone e considerato la quintessenza del genere spaghetti Western.

E’ indubbio che i tre Mattei hanno dei legami tra loro, certamente non diretti ma di cui ogni lettore potrà, a suo piacimento ed assumendosi ogni responsabilità, percepire il ruolo, diverso da quello esposto. Mentre è difficile attribuire la paternità di buono o cattivo a due dei Matteo che in questi giorni occupano
le prime pagine dei quotidiani e di tutti i salotti televisivi, il cattivo per definizione non potrà che essere uno che individueremo alla fine dell’articolo.

In Italia di Matteo “noti” ne esistono altri, come il “ Don Matteo”, il celebre Parroco buono che risolve i casi criminali in maniera brillante, peccato solo nelle commedie televisive. Ma ritorniamo ai nostri Matteo, il più popolare tra questi perché acclamato dalla maggioranza popolare, che ha deciso di staccare la spina al Governo in piena estate, con l’intento di mandare gli Italiani al voto, forse dimenticando che l’Italia è una repubblica parlamentare e come tale ben si presta ai giochi di palazzo,
nonostante, a suo dire, fosse nella impossibilità di lavorare per via di un “socio di governo”.

Un altro Matteo, che era stato ai vertici della politica Italiana ma che poi, caduto in “disgrazia” per quanto riguarda i consensi, essendo diverse volte stato bocciato dal popolo, con una azione definita mossa del cavallo, è riuscito a determinare la nascita di una maggioranza di governo, coinvolgendo i suoi compagni di partito, che piuttosto avevano intenzione di andare al voto per poter finalmente prendere totale possesso del partito, dal momento che il Matteo ne deteneva una cospicua e decisiva parte.

Ovviamente l’occasione che si presentava era ghiotta per ristabilire quel volere che il popolare Matteo voleva contrastare e così il Matteo considerato spacciato, con la sua abile mossa, è tornato alla ribalta, con l’aiuto del palazzo infastidito dall’altro Matteo popolare.
Ma si sa, l’occasione rende l’uomo…

Ed è così che il Matteo spacciato non solo vuol tornare alla ribalta, ma addirittura ritornare a comandare e…Con un’altra abile mossa, che magari chiamiamo del “canguro”, ecco che, dopo essersi assicurato la fiducia del governo appena formato, dà vita ad un altro partito portandosi dietro una parte dei suoi fedelissimi e lasciandone altri all’interno del vecchio partito a controllarne le mosse.

Così ha gabbato il palazzo, ha bruciato il segretario del suo ex partito che lo avrebbe voluto cancellare, ha giocato i compagni di governo e tiene il pallino considerando che gli altri dovranno adeguarsi a lui se non vogliono vedere il governo di palazzo cadere. La prova di ciò si è avuta alla prima votazione, per di più segreta. E mentre il Matteo popolare attende che prima o molto poi si torni alle urne, sperando e disperando, il Matteo resuscitato detta le regole e si organizza.
Ma c’è un Matteo, il cattivo, che è da tanto latitante e, sfruttando le diatribe dei Matteo contendenti che impegnano le cronache e non possono certo curarsi di lui, può serenamente svolgere i suoi loschi affari, sfruttando le opportunità create, droga, appalti e rock and roll, sapendo bene che il palazzo non sa di sapere.
Ed il popolo? La risposta è scontata: dategli un pallone, così lo rincorrono…Giunti a questo punto è d’obbligo scrivere, onde evitare l’ira di chi impone il politicamente corretto, “ogni riferimento a fatti, cose e persone e assolutamente casuale”. Ma sarà vero? Intanto da un’ultima notizia apprendiamo che avverrà un confronto tra il Matteo buono ed il Matteo brutto, che avverrà tra il 15 ed il 17 ottobre.
Chissà se accadrà…

Ettore Lembo

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net