lunedì, Ottobre 25, 2021
Home > Italia > Il Senato nel caos: la Lega fa saltare 2 volte la seduta

Il Senato nel caos: la Lega fa saltare 2 volte la seduta

Senato, salta 2 volte la seduta. Calderoli (Lega): opposizione dura, questo è solo l’inizio

Risultati immagini per senato della repubblica rai

Ieri pomeriggio in Senato l’ex ministro ed attuale vicepresidente dell’assemblea Roberto Calderoli, vero mago dei regolamenti parlamentari, fa per 2 volte lo sgambetto al governo Conte-bis.

“Questo pomeriggio per due volte consecutive è saltata la seduta della prima commissione del Senato per la mancanza del numero legale richiesto. Da adesso i signori della maggioranza di Palazzo impareranno cosa significa avere un movimento come la Lega che fa opposizione!”. Così Calderoli, su quanto accaduto in commissione Affari costituzionali, una delle commissioni permanenti a guida Lega. “Glielo avevo premesso. E questo è solo l’inizio! Per ora. Lega-maggioranza 1-0”, sottolinea il senatore leghista.

Ed il leader della Lega Matteo Salvini ieri ha rincarato la dose contro il Conte-bis, bollando con parole di fuoco la recente scorpacciata di nomine dei sottosegretari della nuova maggioranza, parlando di “continuazione della vergognosa spartizione di posti e poltrone” già iniziata con il varo  del nuovo governo in salsa giallorossa.

E Salvini ha poi incalzato la attuale maggioranza, intimando un preavviso di sfratto a 5S, Pd e LeU: “Tanto prima o poi gli Italiani vi manderanno a casa”.

E ce n’è anche per Conte accusato di aver “venduto i confini d’Italia a Bruxelles” come dimopstrato dal fatto che “non ci sarà divieto di sbarco per i clandestini della Ocean Viking”. Infine il leader della Lega sul raduno leghista di domenica a Pontida avvisa “Sarà la più partecipata di sempre. Da una parte ci sono i poteri forti, dall’altra il popolo italiano”.

Prosegue quindi l’offensiva di Matteo Salvini contro il nuovo governo Conte-bis: “Mi dispiace per gli elettori dei 5 Stelle, che si sono ritrovati l’avvocato del PD”

“Cosa non si fa per la poltrona, che pena…Mi dispiace per gli elettori 5 Stelle che avevano creduto sinceramente in un grande cambiamento e si sono ritrovati con l’avvocato del Pd! Almeno ora molti apriranno gli occhi, sono convinto che i giochini di palazzo, da tempo progettati ed oggi evidenti a tutti, verranno severamente puniti dagli elettori. Primo appuntamento: elezioni regionali il 27 ottobre in Umbria”.

Così Matteo Salvini sul proprio profilo Facebook.