sabato, Ottobre 23, 2021
Home > Marche > Luca Traini, confermata condanna a 12 anni

Luca Traini, confermata condanna a 12 anni

macerata

di Elisa Cinquepalmi

Anche la Corte d’Assise d’Appello di Ancona non fa sconti di pena al “Lupo”, il trentenne di Tolentino che, dopo il raid del 3 febbraio 2018, è stato condannato a 12 anni di reclusione per strage ed odio razziale.
La forte reazione di Traini è stata generata dalla tragica morte della diciottenne romana Pamela Mastropietro, brutalmente uccisa dal nigeriano Innocent Oseghale, condannato alla pena dell’ergastolo.

Il verdetto, che conferma la pena dei 12 anni di reclusione, è stato emesso alle 18.05 (dopo quattro ore di consiglio) dal presidente della Corte d’Assise di Appello, Giovanni Treré, che ha ricalcato la sentenza stabilita il 3 ottobre del 2018 della Corte d’Assise di Macerata.
Dopo questa decisione, Traini ha espressamente dichiarato che vuole la verità sulla morte di Pamela Mastropietro, perché il nigeriano Innocent Oseghale non può aver fatto tutto da solo.

Oltre ai 12 di reclusione, l’imputato dovrà fra fronte al risarcimento delle sei persone di colore ferite durante il raid, il PD e gli altri immobili colpiti.

Non si è abbattuto il legale di Traini, l’avvocato Giancarlo Giulianelli, che ha annunciato il ricorso in Cassazione.

Traini dedica a Pamela il libro scritto in carcere  – E’ dedicato a Pamela Mastropietro il libro scritto in carcere da Luca Traini.

Lo ha detto oggi il legale di Traini, Giancarlo Giulianelli, in Corte d’Appello ad Ancona. Traini ha sempre motivato il raid con il desiderio di “vendicare” Pamela. Secondo il difensore, sta cercando un editore e intende destinare il ricavato delle vendite del libro a soddisfare le parti civili.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net