sabato, Ottobre 31, 2020
Home > Marche > Ascoli Piceno, emesso DASPO nei confronti di un ultras ascolano in occasione dell’incontro di calcio Ascoli Calcio-Pescara

Ascoli Piceno, emesso DASPO nei confronti di un ultras ascolano in occasione dell’incontro di calcio Ascoli Calcio-Pescara

roma

Il Questore di Ascoli Piceno De Angelis Dr. Luigi, a conclusione degli accertamenti condotti dalla Polizia di Stato,  ha adottato un provvedimento preventivo  di divieto di accesso ai luoghi ove si svolgono le manifestazioni sportive (DASPO ) nei confronti di un ultras  ascolano resosi responsabile  in occasione dell’incontro di calcio Ascoli Calcio – Pescara, disputatosi in data 6 ottobre u.s. presso lo Stadio Comunale Cino e Lillo Del Duca, di una condotta  di gruppo,  finalizzata alla partecipazione attiva ad episodi di violenza, di minaccia e di intimidazione, tali da porre in pericolo la sicurezza pubblica o a creare turbative per l’ordine pubblico.

Le indagini in questione hanno infatti permesso di acclarare che al termine dell’evento sportivo un sostenitore ascolano che si trovava nel settore “Curva Nord” destinato alla tifoseria locale, cedendo alla provocazione dei cori dei tifosi pescaresi allocati nel vicino settore “Nord Est” e intenti nei festeggiamenti per la vittoria,  si sfilava dai pantaloni la cintura e con fare minaccioso ed intimidatorio la brandeggiava in aria all’indirizzo della contrapposta fazione invitandola allo scontro.

Nella circostanza, avvicinatosi minacciosamente al cordone di stewards schierati in corrispondenza del “vomitoio”della “Curva Nord” per impedire alle opposte schiere di tifosi di venire a contatto, continuava in tale  condotta aggravandola oltremodo allorquando, con l’indice della mano sinistra, sempre all’indirizzo dei sostenitori ospiti,  mimava esplicitamente all’altezza della propria gola il gesto dello sgozzamento.

A seguito dei fatti è stata anche redatta informativa di reato presso la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ascoli Piceno.

Come noto il DASPO  è una misura adottabile dal Questore anche a prescindere dalla eventuale commissioni di reati c.d. da “stadio” ed  appunto diretta  a colpire quei comportamenti che seppure non assurgono rilevanza penale, possono  comunque mettere in pericolo la sicurezza pubblica o l’incolumità delle persone nonché creare turbative per l’ordine pubblico.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *