lunedì, Novembre 30, 2020
Home > Italia > Delitto Pamela Mastropietro, quadro choc: quando l’arte diventa strumentalizzazione

Delitto Pamela Mastropietro, quadro choc: quando l’arte diventa strumentalizzazione

pamela

Sono proprio le tragedie a doverci far riflettere e invece, come spesso  accade, i fatti di cronaca nera vengono sfruttati da chi preferisce crearsi visibilità, giocando sul dolore dei familiari.
Questa volta a cadere in basso è stato il ventenne, originario di Torino, Andrea Villa.

Il giovane, noto per i suoi manifesti politici in chiave satirica, ha deciso di esporre in una mostra, dal titolo “Salotto Borghese, Italia agli immigrati”, la rivisitazione dell’opera ” La Madonna con Bambino” di Giovanni Bellini.
Nel dipinto choc, Maria è raffigurata con il volto della diciottenne romana, Pamela Mastropietro, barbaramente uccisa il 30 gennaio 2018, a Macerata, dal nigeriano Innocent Oseghale, che nel quadro di Villa interpreta il piccolo Gesù.

ventenne, con questo dipinto, che non ha nulla di satirico, ma al contrario, stizzerebbe anche il Bellini stesso, ha voluto riprodurre la versione distorta della Sacra Famiglia.
Intanto, l’avvocato Marco Valerio Verni, zio di Pamela e legale della famiglia Mastropietro, dichiara di essere indignato di tale scoperta e afferma che questo quadro non può essere considerato come un’opera d’arte.
I genitori di Pamela non avrebbero mai dato il permesso di utilizzare l’immagine della ragazza per tale scopo e quindi “faremo di tutto per andare a fondo su questa vicenda, che oltre ad offendere la religiosità del dipinto originale, vìola anche la dignità della nipote stessa”.

Elisa Cinquepalmi

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *