lunedì, Ottobre 26, 2020
Home > Arte, Cultura e Spettacoli > Il film consigliato stasera in TV: “GUARDIANS – IL RISVEGLIO DEI GUARDIANI” venerdì 18 ottobre 2019

Il film consigliato stasera in TV: “GUARDIANS – IL RISVEGLIO DEI GUARDIANI” venerdì 18 ottobre 2019

Il film consigliato stasera in TV: “GUARDIANS – IL RISVEGLIO DEI GUARDIANI” venerdì 18 ottobre 2019 alle 21:20 su ITALIA 1 Risultati immagini per guardians film Guardians – Il risveglio dei Guardiani (in russoЗащитникиtraslitteratoZaščitnikiZaschitniki oppure Zashchitniki), noto anche con il titolo internazionale Guardians, è un film del 2017 diretto da Sarik Andreasyan. È una pellicola fantascientifica d’azione del filone dei supereroi. Durante la Guerra Fredda l’Unione Sovietica diede vita al progetto “Patriot” per la creazione di un gruppo di supereroi] allo scopo di difendere la patria da minacce soprannaturali. Il progetto, guidato dallo scienziato Avgust Kuratov, venne abbandonato dopo pochi successi e molti fallimenti. 2016. Durante la presentazione di nuovi robot dell’esercito russo, le macchine si rivoltano contro i militari uccidendoli. Al ministero della difesa, Nikolaj Dolgov rivela che i robot sono stati presi da Avgust Kuratov, che è riuscito a creare “Modulo 1”, un oggetto in grado di controllare tutti gli oggetti elettronici nelle vicinanze dell’utilizzatore. Dolgov riattiva il progetto “Patriot” e ne affida la guida al Maggiore Elena Larina, che inizia subito la ricerca dei supereroi superstiti. Larina riesce a trovare Ler, un uomo in grado di controllare la pietra, Khan, in grado di muoversi veloce come il vento, Arsus, che può trasformarsi parzialmente o totalmente in un orso, e Kseniya, capace di diventare invisibile al contatto con l’acqua e di regolare la propria temperatura corporea, diventando immune al caldo e al freddo, che, tuttavia, non riesce a ricordare nulla del suo passato I quattro accettano di riformare la squadra e si dirigono verso la struttura dove lavora Kuratov, ma vengono sovrastati dalle forze nemiche; Kseniya, Khan e Arsus vengono catturati dagli uomini di Kuratov, mentre lo scienziato rompe la schiena a Ler. Ler viene recuperato dal Patriot e viene rimesso in forze da Viktor Dobronravov, vecchio collega di Kuratov. Dopo aver proposto a Kseniya, Khan e Arsus di unirsi a lui, Kuratov prende possesso di Mosca e ruba la torre di Ostankino, per usarla come amplificatore. Durante la presa della torre, Dolgov, ingaggiato da Kuratov per riunire i guardiani in modo che questi potesse imprigionarli, chiede allo scienziato di mantenere la promessa di non attaccare la Russia; Kuratov spezza il patto e uccide Dolvog. Aiutate da Dobronravov, le truppe del Patriot scoprono dove sono tenuti i tre guardiani catturati e li liberano. Al quartier generale, i quattro vengono dotati di nuove tute e armamenti, in grado di amplificare i loro poteri e aiutarli in combattimento. L’intelligence scopre che Kuratov è riuscito a completare “Modulo 2” che, grazie all’amplificazione fornitagli dalla torre di Ostankino, gli garantirebbe il controllo su ogni dispositivo elettronico della Terra. Il nuovo piano dei guardiani è distruggere il campo di forza che circonda la torre di Ostankino, in modo che l’esercito russo possa distruggerla prima che Kuratov riesca ad attivare Martello, un vecchio satellite russo d’attacco creato durante la Guerra Fredda. I quattro supereroi riescono ad entrare nella torre e, arrivati al generatore del campo di forza, Kseniya riesce a mandarlo in cortocircuito rischiando la vita. Distrutto il campo di forza, salgono in cima alla torre dove affrontano Kuratov che, però, riesce a tener loro testa. Khan riesce a portare in salvo gli altri, poco prima che vengano lanciati dei missili verso la torre. Kuratov, grazie a “Modulo 1”, riesce a deviarli e mantenere la struttura intatta. Il Maggiore Larina riesce a raggiungere i guardiani e li informa sulle scoperte fatte da Dobronravov mentre curava Ler: il potere di ciascuno dei guardiani può essere condiviso con gli altri, permettendo una decuplicazione del potere totale; questo, però, potrebbe essere fatale per gli eroi. Unite le forze, i quattro scagliano una potente sfera energetica verso la torre, rompendo i cavi che la tenevano sollevata e facendola precipitare al suolo, uccidendo Kuratov. Su un ponte di Mosca, Elena Larina informa i guardiani che il loro lavoro è stato eccellente e li libera dalle loro mansioni, informandoli che verranno contattati in caso di bisogno e rivela loro di aver trovato altri guardiani. Regia di Ryan Coogler Con: Sylvester Stallone e Michael B. Jordan Fonte: WIKIPEDIA
Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *