martedì, Dicembre 1, 2020
Home > Sport in Pillole > Sport, Samb: immeritata sconfitta dei rossoblu che cadono in casa contro la Virtus Verona 1-2

Sport, Samb: immeritata sconfitta dei rossoblu che cadono in casa contro la Virtus Verona 1-2

di Marco De Berardinis

Reti segnate da Danieli e Volpicelli nel primo tempo, goal vittoria di Odogwu nella ripresa. Espulsi Di Pasquale ad inizio ripresa e Di Massimo nel concitato dopo gara

SAMBENEDETTESE (4-3-3): Raccichini; Rapisarda ©, Miceli, Di Pasquale, Gemignani; Angiulli, Rocchi (20’ Bove) (74’ Orlando), Gelonese; Volpicelli (60’ Carillo) Cernigoi, Di Massimo. A disp.: Fusco, Biondi, Trillò, Zaffagnini, Piredda, Frediani, Brunetti, Garofalo, Panaioli. All. Paolo Montero

VIRTUS V. VERONA (4-3-1-2): Giacomel; Rossi, Pellacani, Sirignano (61’ Santacroce), Manfrin (34’ Curto); Danieli (69’ Casarotto), Cazzola (69’ Da Silva), Onescu; Danti © (46’ Sammarco); Odogwu, Magrassi. A disp.: Chiesa, Vannucci, Manarin, Fermo, Pinton, Lavagnoli, Marcandella. All. Luigi Fresco.

ARBITRO: Mario Saia di Palermo. Assistenti: Francesco Santi di Prato e Stefano Rondino di Piacenza

MARCATORI:  6’ Danieli (V.), 13’ Volpicelli (S.), 68’ Odogwu (V.)

AMMONITI: 43’ Di Pasquale (S.), 48’ Miceli (S.), 64’ Santacroce (V.),

ESPULSI: 59’ Di Pasquale (S.), 95’ Di Massimo (S.)

ANGOLI: 8 – 2

RECUPERO: 6’ 1° T. – 5 ’ 2° T.

NOTE: Serata autunnale, temperatura di 18° C. circa. Terreno di gioco in ottime condizioni. Spettatori quantificabili in circa 4.000 unità, abbonati 1817. Presenti in curva sud una trentina di tifosi scaligeri.

San Benedetto del Tronto – Dopo l’ottima prova del Manuzzi di Cesena in cui i rossoblu hanno portato a casa l’intera posta in palio, terza vittoria consecutiva per gli uomini di Montero, i rivieraschi cercano conferme anche contro una delle squadre più in forma del campionato e cioè la Virtus Verona di mister Fresco allenatore/presidente. Tra poco per il decimo turno di campionato scenderanno in campo Samb e Virtus Verona, due squadre in salute che dovrebbero offrire spettacolo sul rettangolo verde.

Contro i rossoblu veneti il tecnico uruguagio conferma per nove undicesimi la formazione che ha sbancato il Manuzzi, Raccichini sostituisce lo squalificato Santurro tra i pali, mentre Gelonese prende il posto di Frediani a centrocampo, confermato anche il modulo e cioè il 4-3-3. In casa scaligera il tecnico Fresco conferma per dieci undicesimi la formazione che ha battuto la Vis Pesaro, l’unica novità riguarda Manfrin che sostituisce Curto in difesa. L’ultimo arrivato Sammarco siede in panchina, indisponibili Di Paola e Lupoli

PRIMO TEMPO

Ore 20:45, si parte. Calcio d’inizio battuto dalla Virtus Verona che indossa un completo bianco (casacca e pantaloncini), mentre i rivieraschi la consueta casacca rossoblu con pantaloncini blu. I rivieraschi in questo primo tempo attaccano da sinistra verso destra rispetto alla tribuna centrale.

Parte di gran carriera la Samb, che attacca a pieno organico, si difende con qualche affanno la Virtus Verona.

3’:  su cross dalla destra di Rapisarda avvitamento e conclusione di testa dell’ex Cernigoi, la sfera sibila il palo di Giacomel.

5’: su assist di Cenrigoi, gran tito dal limite dell’area di Angiulli, ottima la risposta di Giacomel che devia la sfera tuffandosi sulla sua sinistra, poi Pellacani spazza la propria area.

6’: al primo affondo la Virtus passa, corta respinta della difesa rossoblu, dal limite dell’area Danieli lascia partire un missile terra aria che si infila in rete a mezz’altezza portando in vantaggio gli scaligeri. Samb 0 – Virtus Verona 1.

Subita le rete, i rossoblu spingono sull’acceleratore alla ricerca del pareggio cingendo d’assedio la porta difesa da Giacomel.

9’: velo di Cernigoi per Volpicelli, gran tiro di quest’ultimo da distanza ravvicinata, grande la risposta di Giacomel che respinge la sfera con i piedi.

13’: GOOOL, azione tambureggiante dei rossoblu, Di Massimo mette la sfera in mezzo, Velo di Cernigoi, la palla arriva sui piedi di Volpicelli che con un diagonale da distanza ravvicinata non dà scampo a Giacomel. Samb 1 – Virtus Verona 1.

16’: grave infortunio a Rocchi che esce dal rettangolo verde in barella, si sospetta la frattura del braccio per lui.

20’: esce Rocchi ed entra Bove

28’: un tiro cross di Volpicelli viene respinto con i pugni da Giacomel che anticipa Gerrnogoi

I rossoblu continuano ad attaccare senza soluzione di continuità, si difende con affanno la Virtus ma quando parte in contropiede è velocissima e pericolosissima, con tre passaggi è già in area avversaria.

34’: esce Manfrin ed entra Curto

36’: un tiro dal limite di Volpicelli, su assist di Cernigoi, viene parato a terra da Giacomel.

43’: ammonito Di Pasquale

Dopo sei minuti di recupero, causa infortunio occorso a Rocchi, l’arbitro manda le due squadre negli spogliatoi sul risultato di 1 – 1. Era partita di gran carriera la Samb attaccando a pieno organico, ma al primo affondo gli scaligeri sono passati in vantaggio. Subita le rete i rossoblu si sono riversati nella metà campo avversaria creando azioni da rete a ripetizione, il goal del pareggio, più che meritato, è stato realizzato da Volpicelli. Nonostante il pari subito la Virtus ha continuato a giocare di rimessa, mettendo spesso in difficoltà la retroguardia rivierasca con pericolosi contropiede.

SECONDO TEMPO

In questo secondo tempo la Samb attacca da destra verso sinistra.

Si riparte per la ripresa con un cambio effettuato dal tecnico scaligero:

46’: esce Danti ed entra Sammarco

48’: ammonito Miceli

L’inizio della ripresa vede lo stesso canovaccio del primo tempo e cioè rossoblu in avanti alla ricerca del vantaggio, scaligeri che si difendono con ordine utilizzando l’arma del contropiede.

56’: grande discesa sulla sinistra di Gemignani che si beve con un sontuoso tunnel un avversario e mette in mezzo, la girata di Cernigoi da posizione privilegiata, finisce alta sopra la traversa. Samb vicinissima al raddoppio.

59’: seconda ammonizione per Di Pasquale ed espulsione

60’: esce Volpicelli ed entra Carillo

61’: esce Sirignano ed entra Santacroce

64’: ammonito Santacroce

66’: goal annullato a Gelonese, su cross dalla sinistra di Di Massimo, sbuca tra due avversari Gelonese che mette la sfera in rete, ma per il guardalinee

67’: rigore sacrosanto negato a … per un fallo di ……

68’: la Virtus passa nuovamente in vantaggio, Odogwu porta a spasso tre giocatori, chiede il triangolo con Magrassi e di potenza scaraventa in rete la sfera. Samb 1 – Virtus Verona 2.

69’: esce Danieli ed entra Casarotto

69’: esce Cazzola ed entra Da Silva

74’: esce Bove ed entra Orlando

I rossoblu accusano il colpo della rete subita e stentano a riorganizzarsi, gioca sul velluto la Virtus con l’uomo in più controllando senza grosse difficoltà la gara.

Con il passare dei minuti i rivieraschi si riorganizzano e di nuovo attaccano a pieno organico, agisce di rimessa la Virtus.

82’: sugli sviluppi di un angolo battuto da Di Massimo, la sfera arriva a Gelonese in area che tenta la girata di prima intenzione, la sfera scheggia la traversa facendo gridare al goal la curva nord.

87’: sugli sviluppi di un angolo battuto da Di Massimo, la sfera arriva ad Angiulli in area che lascia partire una bordata respinta con  il corpo quasi sulla linea da Santacroce.

Assalto all’arma bianca dei rivieraschi, Virtus Verona in grossa difficoltà.

90’: salvataggio miracoloso di Giacomel quando si trovava già a terra su tiro sporco di Miceli. Porta scaligera stregata.

Dopo cinque minuti di recupero termina il match sul risultato di 1 – 2 in favore degli scaligeri. Un risultato bugiardo che condanna i rossoblu alla prima sconfitta casalinga del campionato. Nonostante l’uomo in meno, espulso Di Pasquale ad inizio ripresa, i rossoblu hanno attaccato senza soluzione di continuità alla ricerca della vittoria, ma in uno dei suoi fulminei contropiede, la Virtus è passata in vantaggio ed è riuscita, con le unghie e con i denti, a portare a casa la vittoria. Onore e merito ai rivieraschi che non si sono mai dati per vinti ed hanno buttato il cuore oltre l’ostacolo, tant’è che nonostante la sconfitta, i propri sostenitori li hanno voluti sotto la curva nord per applaudirli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *