domenica, 15 Dicembre, 2019
Home > Arte, Cultura e Spettacoli > Anticipazioni per “TV 7” del 1° novembre alle 23.55 su RAI 1: Napoli, in lotta per il lavoro

Anticipazioni per “TV 7” del 1° novembre alle 23.55 su RAI 1: Napoli, in lotta per il lavoro

TV 7 Venezia
Anticipazioni per “TV 7” del 1° novembre alle 23.55 su RAI 1: Napoli, in lotta per il lavoro Risultati immagini per tv7 rai Domani, venerdì 1 novembre 2019 , su Rai1, a mezzanotte circa, a TV7, verrà proposto un tema di grande attualità: la lotta per il lavoro. Whirlpool fa un passo indietro: niente più cessione della fabbrica di Napoli, riparte il dialogo con governo e sindacati per trovare una soluzione che eviti i licenziamenti. I lavoratori possono tirare un sospiro di sollievo. Ma sino a quando? Nello stabilimento di via Argine si producono lavatrici dagli anni ’60, tanti operai hanno preso il posto in fabbrica dei loro genitori. A Tv7 le loro storie, le paure, le speranze. In cinque mesi di mobilitazione, in un territorio con una disoccupazione elevata, i 420 operai hanno difeso il proprio lavoro con le unghie e con i denti. Ma per la fabbrica di Napoli serve un nuovo prodotto, maggiori volumi e nuovi investimenti. Spazio poi alle ‘Sfide’: immigrazione, globalizzazione, cambiamenti climatici. Tv7 ad Harvard con il grande economista e Premio Nobel indiano Amartya Sen per affrontare i grandi temi della nostra epoca. “Sono sfide enormi – dice – ma con una pianificazione pubblica lungimirante, il dinamismo dell’economia di mercato può essere orientato in modo da risolverle. Purtroppo, però, la politica in molti casi non si occupa in modo razionale e approfondito dei problemi e preferisce puntare su pseudo-problemi come quello della ‘invasione’ dei migranti”. Un altro tema è sotto le lenti di ingrandimento: ‘I giovani di ieri’. L’Italia è in declino demografico, per la prima volta dopo 90 anni. Crollano le nascite e aumentano i cittadini che scelgono l’estero, lasciando il nostro Paese. Il Piemonte è tra le regioni più anziane. Tv7 è andato a Torino, a Mirafiori, nel quartiere simbolo del boom economico degli anni ’60. Qui tre abitanti su quattro sono anziani e continua a calare il numero di bambini. Tre asili chiusi solo quest’anno, tra inevitabili ricadute economiche e sociali. e, poi, spazio alla ‘La città dei matti’: i primi pazienti arrivarono nel 1866, l’ultimo uscì nel 1999. L’ex manicomio di Mombello, nel milanese, con il suo picco di 4500 degenti è stato il più grande d’Italia, tra i più vasti d’Europa. Oggi, 20 anni dopo la sua definitiva chiusura, giace in uno stato di abbandono. Una parte è stata recuperata, un’altra – la più estesa – è meta di writer, tossicodipendenti e senzatetto. Tv7 tra i cunicoli sotterranei e negli ex reparti. Le storie degli psichiatri e dei pazienti di allora. Dalla malattia mentale si può uscire. A Tv7 la storia di Giuliana, 44 anni e una vita fatta di cadute e terapie per sconfiggere la depressione, ma anche di forza e passioni che l’hanno aiutata nel suo cammino. Come la pittura e il teatro negli spazi messi a disposizione a Roma dalla Fondazione Di Liegro, tra le associazioni sparse in Italia. Una testimonianza coraggiosa per sconfiggere lo stigma della malattia. in ‘Finchè la barca va’ sapazio alle sorelle Elena ed Elisabetta Tremontin: da un anno, da quando è morto il papà Domenico, hanno deciso di proseguire l’attività di famiglia e quindi di non chiudere il cantiere nautico dove si costruiscono e si riparano gondole. Una tradizione che dura da 135 anni e che racconta di un artigianato che sta dietro il frenetico mondo del turismo nella “città più bella del mondo”. ‘Sogni d’oro’ è il titolo del servizio su Massimo Ranieri. L’attore, che sta per riprendere il tour teatrale con lo spettacolo “Sogno e son desto”, parla dei grandi sognatori, del valore dei sogni in musica, di “Rose rosse” la sua canzone che ha fatto sognare di più e dell’infanzia a Napoli, una città dove le visioni oniriche hanno una storia particolare. E poi ancora ‘Alda’: il primo novembre del 2009 ci lasciava Alda Merini, una delle più grandi voci poetiche del Novecento, diverse volte candidata al premio Nobel per la Letteratura. Mentre la sua Milano la ricorda, Vincenzo Mollica ne racconta l’arte, le raccolte più importanti, l’amore per la musica e per il pianoforte, una vita diventata simbolo di rinascita e riscatto femminile.

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994 al 2015 ha collaborato regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero, Il Resto del Carlino, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Nel 2009 è direttore del quotidiano teramano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Ora direttore della testata giornalistica on line la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: