martedì, Ottobre 27, 2020
Home > Arte, Cultura e Spettacoli > Il film consigliato stasera in TV: “CAST AWAY” domenica 10 novembre 2019

Il film consigliato stasera in TV: “CAST AWAY” domenica 10 novembre 2019

Il film consigliato stasera in TV: “CAST AWAY” domenica 10 novembre 2019 alle 21:25 su RETE 4 Immagine correlata Cast Away è un film del 2000 diretto da Robert Zemeckis e con protagonista Tom Hanks. È la seconda collaborazione tra il regista e l’attore dopo il successo di Forrest Gump (1994). «Il titolo Cast Away significa in inglese “naufrago”. Il modello della vicenda d’un uomo che si ritrova su un’isola deserta solo, senza nulla, e deve sopravvivere, ha oltre due secoli e mezzo: è Robinson Crusoe, romanzo d’avventure scritto nel 1719 da Daniel Defoe ispirandosi al caso di cronaca vera del marinaio britannico Selkirk» L’ingegnere Chuck Noland vive a Memphis; una vita appagante per il lavoro, che svolge con passione come dirigente operativo della FedEx, nota e grande azienda di spedizione merci in tutto il mondo, e per l’amore ricambiato di Kelly, la sua fidanzata con cui ha intenzione finalmente di sposarsi. Tuttavia, un’urgenza di lavoro lo porta a recarsi in Malaysia, in pieno periodo natalizio. Durante il viaggio, l’aereo della FedEx su cui viaggia precipita nel Pacifico, ma Chuck si salva, approdando su un’isola deserta, dove riesce a sopravvivere bevendo acqua di cocco, mangiando granchi e imparando ad accendere il fuoco con mezzi di fortuna. Tra i detriti dell’aereo caduto portati dal mare sull’isola c’è un pallone su cui, servendosi dell’impronta insanguinata della sua mano, disegna un volto e che chiama con il nome impresso della marca, “Wilson“, rendendolo il compagno con cui parlare e confidarsi per non impazzire. Ciononostante, la solitudine diventa terribile da sopportare; il tempo trascorre inesorabile e nessuno sembra cercarlo, tanto che Chuck pensa di uccidersi. Quattro anni dopo, il mare porta sulla spiaggia un detrito di vetroresina: due pareti ad angolo appartenute a un ex bagno chimico. Vedendone la sua resistenza al vento, nasce l’idea di utilizzarlo su una zattera come vela da dispiegare per superare la forte risacca marina, dovuta alla barriera corallina che circonda l’isola, per poi dirigersi in mare aperto alla ricerca di soccorsi. Dopo il primo tentativo fallito, il secondo ha successo. Tuttavia, egli dovrà andare alla deriva sulla precaria zattera per molti giorni, senza cibo né acqua potabile. Inoltre, dopo una tempesta, cade dalla zattera in mare aperto l'”amico Wilson”, che Chuck tenta disperatamente e inutilmente di salvare, rischiando di affogare. Ormai allo stremo delle forze, una nave portacontainer incrocia la zattera e finalmente lo raccoglie, riportandolo alla vita che, tuttavia, non sarà come prima. Kelly, persa ogni speranza in un suo ritorno, pur rimpiangendolo e amandolo ancora, si era sposata nel frattempo con un altro e aveva avuto una bambina. In un forte momento di emotività, ella stessa sceglie di seguire Chuck, ma sarà proprio lui a farle capire che non sarebbe giusto abbandonare la sua famiglia e, a malincuore, esce tristemente dalla sua vita per sempre. Quando si trovava sull’isola inoltre, Chuck aveva conservato, senza mai aprirlo, uno dei pacchi FedEx che si trovava sull’aereo, riportato a riva dalle onde del mare dopo la caduta del velivolo. Il pacco lo aveva incuriosito per le due ali dorate raffigurate sulla scatola e, come sua promessa personale, lo aveva conservato anche sulla zattera, per consegnarlo al legittimo destinatario se fosse ritornato salvo negli Stati Uniti. Quando va per la consegna però, non trova nessuno a casa del destinatario in quel momento, e quindi lascia sulla porta il pacco con un biglietto con sopra scritto “Questo pacco mi ha salvato la vita”. Allontanandosi poi per la strada, Chuck incontra una ragazza che guida un furgone, dove sul retro del veicolo è impresso il curioso disegno di due ali dorate. Chuck rimane ad osservarla mentre si allontana dall’incrocio di strade, dove egli sta per scegliere quale prendere, pronto per ricominciare una nuova vita. Regia di Roman Polanski Con: Barney Clark e Ben Kingsley Fonte: WIKIPEDIA
Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *