venerdì, Ottobre 30, 2020
Home > Lazio > I dolci tradizionali ottomani protagonisti di un evento culturale a Roma

I dolci tradizionali ottomani protagonisti di un evento culturale a Roma

dolci

All’Istituto Yunus Emre, Centro Culturale Turco di Roma, è stata organizzata lo scorso 12 novembre un’iniziativa dal titolo “Dolci Tradizionali Ottomani”, mirata ad illustrare la tradizione e cultura culinaria della Turchia. L’evento, strutturato da una mostra di fotografia e degli accessori tradizionali di cucina, una conferenza, un live show cooking e una degustazione di dolci – è stato realizzato con il sostegno dei municipi delle città di Ordu e Ünye, dell’Associazione delle Donne Imprenditrici e dell’ONG CATOM  di Ünye.

Prima dell’inizio del programma, a cui hanno partecipato oltre duecento persone tra stampa e appassionati, si è svolto un incontro istituzionale con i rappresentanti di questo distretto, definito la “perla del Mar Nero”, insieme a giornalisti ed operatori italiani del settore turistico ed agroalimentare, tra cui Lazio Turismo, Agenzia Europea Eurocomunicazione, Gambero Rosso e diversi tour operator specializzati in questa destinazione.

Gli ospiti della Turchia,  il deputato della città di Ordu Mustafa Hamarat, Il Sindaco di Ünye Hüseyin Tavlı e la presidentessa dell’Associazione delle Donne Imprenditrici e dell’ONG Catom Selma Hasdemir hanno parlato delle caratteristiche culturali, turistiche e economiche  di questa zona e hanno risposto alle domande e curiosità dei partecipanti italiani. L’ incontro è stata una dimostrazione  esemplificativa di quante grandi siano le potenzialità per sviluppare un comune percorso socio-economico partendo proprio dai legami culturali costruiti  tra i due Paesi amici.

In occasione dell’incontro, durato oltre due ore, gli ospiti hanno avuto modo di sperimentare da vicino un elaborato carrello di assaggi di dolci tradizionali e prodotti locali composti dalle prelibate nocciole del territorio, primaria fonte produttiva del distretto, e accompagnati dai tipici caffè e tè turchi.

L’evento è proseguito all’interno della maestosa sala del Palazzo Lancellotti dove risiede l’Istituto Yunus Emre, con una grande partecipazione di pubblico. Ad inaugurare l’evento è stata la Direttrice del centro culturale turco Sevim Aktaş, seguita dai rispettivi discorsi di apertura dell’Ambasciatore di Turchia S.E. Murat Salim Esenli, del Sindaco Hüseyin Tavlı e dell’ On. Mustafa Hamarat.

In tale ambito, il Direttore del Museo di Ünye ha presentato la relazione  “L’Importanza e le funzioni dei dolci nella tradizione turca dall’Impero Ottomano fino ad oggi”, illustrata con fotografie, miniature e aneddoti storici sui dolci più antichi e popolari quali l’helva (Halva), il baklava (un dolce a base di pasta sfoglia), l’aşure (un budino con cereali e legumi), i lokum (caramelle gommose con frutta secca) e molti altri.

A chiusura della serata sono stati offerti ai convenuti ben quindici tipi di dolci, oltre ad una dimostrazione culinaria “espressa” di due dei dolci più diffusi in Turchia, preparati dal vivo dallo chef professionista Ercan Yılmaz.

La delegazione ospitata dall’Istituto Yunus Emre ha avuto poi modo, il giorno successivo, di incontrare il sindaco di Ascoli Piceno per una proposta di gemellaggio tra Ünye e il comune marchigiano; in tale ambito, la direttrice dell’Istituto Yunus Emre Sevim Aktaş ha presentato anche il progetto sul Festival dell’Artigianato, ipotizzando anche un secondo incontro con il comune di Venezia per un’ulteriore collaborazione congiunta all’iniziativa, che si svolgerà il prossimo anno, viste anche le analoghe attività legate all’arte manuale tessile.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *