giovedì, Ottobre 22, 2020
Home > Arte, Cultura e Spettacoli > Il film d’animazione stasera in TV: “MADAGASCAR 2” sabato 16 novembre 2019

Il film d’animazione stasera in TV: “MADAGASCAR 2” sabato 16 novembre 2019

film madagascar 2

Il film d’animazione stasera in TV: “MADAGASCAR 2” sabato 16 novembre 2019 alle 21:20 su ITALIA 1

Madagascar2-2008.png

Madagascar 2 (Madagascar: Escape 2 Africa) è un film d’animazione del 2008, diretto da Eric Darnell e Tom McGrath.

È il seguito del film Madagascar, uscito nel 2005 e prodotto anch’esso dalla DreamWorks.

«L’amore supera qualunque differenza»

(Zuba)

Alakay il leone è il figlio di Zuba, leone alfa di un branco di suoi simili in una riserva africana del Kenya, e di sua moglie, la leonessa Florrie. Mentre il padre viene sfidato da Makunga, un leone malvagio, Alakay cade in un tranello dei bracconieri: segue una corda che lo conduce fuori dalla riserva, in cui nessun animale osa avventurarsi. Il padre parte all’inseguimento dei bracconieri, ma durante la fuga del camion la cassa con dentro il cucciolo finisce in mare, finendo il suo viaggio New York. Alakay viene quindi portato allo zoo di Central Park, dove viene chiamato Alex. Crescendo diventa il beniamino dell’intero zoo, diventando infine il famoso Alex il leone.

Alex, ormai adulto, è naufragato già da un anno in Madagascar. I pinguini, che avevano dirottato la nave dove stavano a bordo gli amici di Central Park, hanno ora riparato l’aereo precipitato in cima al baobab dei lemuri poiché la nave ha finito il carburante. Assieme ai pinguini e ai quattro protagonisti, partono anche il re dei lemuri Julien, il suo consigliere Maurice, le scimmie Phil e Mason e il piccolo Mortino.

Dopo qualche ora di volo però l’aereo cade: Re Julien e Maurice si salvano col paracadute ed atterrano in mezzo alla savana keniota. I quattro litigano coi pinguini, ma decidono di andare incontro a una vicina colonia d’animali.

Julien e Maurice invece iniziano a governare una colonia di fenicotteri. Durante una colluttazione con il leone alfa della colonia, Alex scopre che tutti e due hanno la stessa macchia su una zampa: sono infatti padre e figlio. Riconciliatosi coi genitori Alex inizia a vivere con loro. Makunga, intento a prendere il posto di Zuba come leone alfa del branco, ricorda a quest’ultimo che Alex non ha ancora compiuto il suo rito di passaggio, cerimonia in cui i leoncini si guadagnano la criniera lottando. Lo stesso Makunga consiglia un temibile avversario, Teetsi, al leone. Alex viene sconfitto e, secondo la tradizione, dovrebbe essere bandito ed esiliato dal suo stesso padre. Zuba però, per non bandire suo figlio, decide di lasciare il comando e quindi Makunga se ne impadronisce, esiliando subito l’ex sovrano e il figlio.

Intanto i turisti newyorkesi, per sopravvivere senza la jeep rubata, creano una diga sbarrando il fiume che dà acqua nella riserva e che è l’unica fonte di vita. La diga è fuori della riserva e nessuno osa fuggire di lì. Alex, non approvando il piano di Makunga, parte per scoprire l’origine del guaio dando l’addio a Marty che riesce finalmente a distinguere dall’immensa colonia di zebre. Così Marty lo perdona. I due vengono assaliti dai newyorkesi: Marty riesce a fuggire, mentre Alex viene catturato. Julien intanto ha convinto tutti a fare un sacrificio per il ritorno dell’acqua, gettando un volontario nell’immenso cratere colmo di lava del Kilimangiaro.

Melman decide di offrirsi per il sacrificio. Gloria tenta di fermarlo ma ormai è tardi. Tutti sono su un vulcano pronti a gettare dentro Melman. All’improvviso appare il vecchio medico creduto da tutti morto, il quale rivela che la malattia che aveva avuto non è mai esistita. Arriva quindi Marty, che racconta al gruppo della cattura di Alex. Intanto Makunga raggiunge Zuba e lo spinge ad uscire dalla riserva in cerca del figlio, ma solo per far uccidere anche lui. Gloria e Melman vanno dai pinguini, i quali hanno terminato l’aereo ma hanno una colluttazione con le scimmie. Alla fine l’aereo può partire.

Alex viene legato e preparato per l’arrostitura, quando Zuba arriva e libera il figlio. Nel frattempo sul vulcano Julien si lamenta che tutti sono fuggiti per salvare Alex, dimenticando il sacrificio. Arriva però Mortino, che, facendosi inseguire dallo squalo incontrato sulla spiaggia keniota, lo fa precipitare nella lava, completando così il rito. I tre osservano e vedono il ritorno dell’acqua: il sacrificio dovrebbe quindi essere andato a buon fine.

L’acqua ritorna in Africa, ma Makunga si oppone al ritorno di Alex e Zuba ma questi hanno la meglio, poiché durante la fuga dagli newyorkesi, hanno involontariamente catturato la nonnina, che viene liberata e vede Makunga con la sua borsa, quindi lo picchia e se lo porta via. Alla fine Zuba, di nuovo leone alfa, celebra il matrimonio fra Skipper e la bambolina che partono per Montecarlo in luna di miele con l’aereo. In tal modo Alex, Marty, Gloria, Melman e i lemuri restano in Kenya.

Regia di Eric Darnell e Tom McGrath

Fonte: WIKIPEDIA





Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *