lunedì, Novembre 23, 2020
Home > Arte, Cultura e Spettacoli > Il film consigliato stasera in TV: “RESIDENT EVIL: AFTERLIFE” martedì 19 novembre 2019

Il film consigliato stasera in TV: “RESIDENT EVIL: AFTERLIFE” martedì 19 novembre 2019

Resident Evil Afterlife
Il film consigliato stasera in TV: “RESIDENT EVIL: AFTERLIFE” martedì 19 novembre 2019 alle 21:15 su RAI 4  Resident Evil Afterlife.jpg
Resident Evil: Afterlife è un film del 2010 diretto e sceneggiato da Paul W. S. Anderson. È il quarto film della saga cinematografica Resident Evil, basata sui videogiochi survival horror Resident Evil della Capcom e il primo film di questi a essere distribuito in tridimensionale. È uscito nelle sale italiane il 10 settembre 2010, in contemporanea con l’uscita americana. È passato un anno dagli eventi di Extinction e quattro anni dalla fuga del virus T che ha infettato l’intera umanità; intanto nel sottosuolo di Tokyo, nel quartier generale della Umbrella Corporation, il presidente della società, Albert Wesker continua a dirigere le ricerche ma subisce un attacco dall’attraente Alice ed i suoi numerosi cloni, che decimano le guardie della Umbrella e raggiungono Wesker, che dal suo convertiplano attiva l’autodistruzione della base uccidendo sia i cloni di Alice che il resto dei dirigenti, dopo esser fuggito. Mentre è ancora in volo la vera Alice appare alle sue spalle, venendo però colta di sorpresa dal nemico che le inietta l’antidoto del virus T che la fa tornare a poco a poco un normale essere umano. Il jet si schianta contro una montagna, ma Alice sopravvive, apparentemente ancora infetta. Sei mesi dopo, l’ormai completamente umana Alice si dirige verso una città di sopravvissuti sita in Alaska, chiamata Arcadia. Giunta sul posto, trova un luogo desolato con numerosi aeroplani tra cui l’elicottero pilotato da Claire Redfield e i suoi compagni (nello scorso film); Alice viene attaccata da Claire apparentemente manipolata e con un congegno a forma di ragno meccanico attaccato sul petto che le ha aumentato l’aggressività e fatto perdere la memoria. Staccatole il dispositivo e tranquillizzatala, Alice porta con sé Claire a Los Angeles, dove incontra un piccolo gruppo di sopravvissuti capitanati da Luther West, rifugiatisi in un carcere di massima sicurezza e circondati da migliaia di non morti che rendono impossibile la fuga. Alice fa subito amicizia con Luther (un famoso ex cestista) e con il resto del gruppo (tranne che con l’ex produttore cinematografico Bennett), che le rivela che Arcadia non è una città ma una nave ancorata al largo di Los Angeles. Ipocritamente Bennett decide di raggiungere l’Arcadia per conto proprio utilizzando l’aeroplano di Alice. Il gruppo decide di liberare Chris Redfield, il ritrovato fratello di Claire recluso nel carcere per la sua pericolosità, per guidare Alice alla ricerca di armi e di vie di fuga, ma nel mentre il gruppo viene attaccato dai non morti, tra cui un Axeman, e sopravvivono solo Alice, Luther e i fratelli Redfield. I quattro fuggono poi in un condotto fognario, da dove Luther viene aggredito da un non morto e trascinato nelle profondità della terra. Raggiunta l’Arcadia, Alice, Claire e Chris, dopo un’accurata ispezione comprendono di essere caduti in una trappola della Umbrella: la nave è un centro di ricerca in cui si svolgono esperimenti scientifici sugli ignari sopravvissuti che la raggiungono. Un redivivo Albert Wesker attende Alice, a cui rivela di essere infettato con lo stadio finale del virus T (lo stesso che rese Alice superumana) ma instabile e che può controllare solo nutrendosi di DNA umano. Alice viene attaccata da due cani infetti, mentre Wesker affronta e imprigiona Claire e Chris, finendo però poi ucciso. Wesker, nuovamente redivivo fugge su un mezzo a cui però Alice aveva applicato una bomba, che esplode in movimento. Nel finale Luther West è scampato agli zombie ed esce dalle fogne, mentre Alice, Claire e Chris avvistano uno stormo di aerei della Umbrella all’attacco verso la nave, agli ordini di Jill Valentine soggiogata dallo stesso dispositivo che aveva soggiogato Claire e pronta ad uccidere tutti i superstiti. Regia di W. S. Anderson Con: Milla Jovovich ed Ali Larter Fonte: WIKIPEDIA
Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *