martedì, Ottobre 27, 2020
Home > Italia > Partinico, delitto bestiale: uccide l’amante a coltellate. Aspettava un bimbo da lui

Partinico, delitto bestiale: uccide l’amante a coltellate. Aspettava un bimbo da lui

partinico

PARTINICO (PALERMO) – “Ma che fai, aspetto un bambino. Ti amo”. Poi la furia cieca. Così è morta Ana Maria Lacramioara Di Piazza, 30enne residente a Giardinello, di origine rumena, adottata da una famiglia del posto, in provincia di Palermo. Da circa un anno aveva intrapreso una relazione con l’imprenditore Antonino Borgia, 51 anni, sposato. Aspettava un bimbo da lui. L’avrebbe uccisa a bastonate e a coltellate. Il primo fendente sarebbe stato inferto proprio nella pancia. Dopo averla uccisa, ha cercato di liberarsi del cadavere occultandolo in campagna, ha lavato il furgone, dove è scattata la ferocia dell’uomo, poi, dopo essersi fatto una doccia, è andato avanti con la propria giornata come se niente fosse.

A scatenare la violenza da parte dell’imprenditore nei riguardi della propria amante sarebbe stata la minaccia della donna di rivelare tutto alla moglie insieme ad una richiesta di denaro di 3mila euro.

I carabinieri di Partinico hanno rapidamente risolto il caso anche grazie alla testimonianza di alcuni cittadini, che avrebbero parzialmente assistito alla violenza. Messo alle strette dagli inquirenti, Borgia ha infine ammesso il delitto. I militari sono riusciti a risalire prima al corpo della giovane uccisa, poi al furgone dell’imprenditore.

Da quanto è stato possibile apprendere, la sera precedente il barbaro delitto, l’uomo avrebbe promesso di consegnare il denaro alla 30enne. Poi, quando si sono incontrati, dopo aver avuto un rapporto sessuale, i due avrebbero dato il via ad un furibondo litigio. L’imprenditore avrebbe quindi tirato fuori il coltello affondando i primi colpi. La giovane avrebbe cercato di sottrarsi alla violenza dell’uomo, fuggendo dal furgone. Ma lui sarebbe riuscito a farla rientrare con la promessa di condurla in ospedale. Poi un altro litigio ed infine le bastonate alla testa e la coltellata alla gola.

Lucia Mosca

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *