lunedì, Ottobre 26, 2020
Home > Arte, Cultura e Spettacoli > Il film consigliato stasera in TV: “RESIDENT EVIL: THE FINAL CHAPTER” martedì 26 novembre 2019

Il film consigliato stasera in TV: “RESIDENT EVIL: THE FINAL CHAPTER” martedì 26 novembre 2019

film resident evil
Il film consigliato stasera in TV: “RESIDENT EVIL: THE FINAL CHAPTER” martedì 26 novembre 2019 alle 21:15 su RAI 4  Resident Evil The Final Chapter.png
Resident Evil: The Final Chapter è un film del 2016 co-prodotto, scritto e diretto da Paul W. S. Anderson. È il sesto e ultimo film della saga cinematografica Resident Evil, basata sui videogiochi survival horror della Capcom e il terzo ad essere distribuito in versione 3D. Il film inizia con una narrazione ante litteram: la giovane Alicia Marcus, figlia del co-fondatore dell’Umbrella Corporation James Marcus, nacque affetta da progeria, una malattia rara che causa invecchiamento precoce verso il ventesimo anno di età; allo scopo di curarla suo padre sviluppò il “T-Virus“, che le ha restituito una vita normale, ma con i gravi effetti collaterali di rendere pazzi i vivi e resuscitare i morti; allo stesso tempo l’intelligenza artificiale gestrice delle strutture della Umbrella venne modellata su una rappresentazione olografica proprio di Alicia. Il virus è stato segretamente mascherato, ma il co-fondatore dell’Umbrella Alexander Isaacs uccise Marcus e rubò il virus; allo stesso tempo accudì Alicia, erede del 50% della proprietà dell’Umbrella, e sfruttò l’intelligenza artificiale di Marcus come multi-sistema informatico denominato “Regina Rossa”. Nel presente, a Washington, la Casa Bianca è caduta e tutti gli umani sono morti, tranne Alice che, dopo uno scontro con un mostro volante, viene contattata dalla Regina Rossa che le rivela l’esistenza di una provetta di anti-virus, risolutivo contro l’infezione globale, situata nel laboratorio Umbrella nel sottosuolo di Raccoon City, e che deve essere recuperata entro brevissimo tempo, pena la morte delle poche migliaia (4472 per l’esattezza) di persone al mondo non ancora infette. Durante la corsa verso la città, Alice viene catturata da un cingolato dell’Umbrella con a bordo il dottor Isaacs (in precedenza aveva ucciso un suo clone mostruoso), ma riesce a liberarsi e fugge a bordo di una moto verso il centro di Raccoon City, dove incontra Claire Redfield e gli ultimi superstiti in città arroccati in un grattacielo. I superstiti, male armati ed organizzati, vengono assediati contemporaneamente da un’orda di mostri e dai cingolati di Isaacs, ma vincono lo scontro e mettono in fuga il dirigente della Umbrella. Il gruppo raggiunge il cratere dell’esplosione atomica (il centro di Raccoon City fu bombardato con un’esplosione nucleare per contenere invano il contagio) dove scampano ad un attacco di cani mutati e raggiungono l’ingresso; qui la Regina Rossa rivela di come i dirigenti Umbrella (tra cui Isaacs) avevano deciso di rilasciare il T-Virus deliberatamente come un’ipocrita soluzione a problemi tra cui la sovrappopolazione mondiale, allo scopo di sopravviverne per ripopolarlo e modellarlo a loro piacimento. Vagando per i corridoi dell’Alveare, dopo aver perso altri membri del gruppo, Alice raggiunge il piano sotterraneo più profondo, pieno di celle criogeniche con all’interno i dirigenti dell’Umbrella. Trova il vero Alexander Isaacs custode della fiala dell’antivirus, che le rivela di essere in realtà un clone modificato di Alicia Marcus, ormai anziana e invalida (è per questo che Alice non ha alcun ricordo precedente al suo risveglio nella villa del primo film). Poiché co-proprietaria dell’azienda, Alicia licenzia Albert Wesker (che aveva catturato Claire), liberando la Regina Rossa dai suoi obblighi, permettendole di ucciderlo, di ribellarsi e di dare tempo ad Alice di compiere la missione che sfortunatamente costerebbe la vita anche a lei. Alice si scontra con Isaacs fino alla camera a raggi laser: rimane ferita ma riesce ad ucciderlo definitivamente (Isaacs muore per mano del clone che dichiara essere il “vero” Isaacs e dopo viene sbranato dagli zombie) e a recuperare la provetta contenente l’antivirus. Dopo aver fatto saltare in aria l’Alveare, Alice libera l’antivirus che istantaneamente uccide tutti gli infetti circostanti e si accascia priva di sensi; si risveglia poco dopo tra le braccia di Claire: la Regina Rossa, dopo averle mostrato una galleria di immagini della sua infanzia mai avuta, le spiega che l’antidoto ha neutralizzato solo le sue cellule infette facendola tornare un normalissimo essere umano. Il film si conclude con Alice in sella ad una moto. Benché l’antivirus sia stato liberato, impiegherà tempo ad espandersi per tutto il mondo. Alice decide quindi di continuare la sua lotta contro i mostri rimasti del virus T andando in soccorso degli umani superstiti affinché l’umanità possa così ricominciare. Regia di W. S. Anderson Con: Milla Jovovich ed Ali Larter Fonte: WIKIPEDIA
Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *