giovedì, Gennaio 21, 2021
Home > Abruzzo > Studenti in scena con “Teramum”, l’operina dedicata alla storia della città

Studenti in scena con “Teramum”, l’operina dedicata alla storia della città

teramum

A dicembre oltre 200 elementi sul palco con “Teramum” per la prima esecuzione assoluta dell’operina realizzata dagli alunni dell’I.C. Zippilli-Lucidi, del Liceo Coreutico, dall’orchestra di fiati e percussioni dell’ISSSM ‘G. Braga’ e dall’orchestra dell’I.C. Zippilli-Lucidi

Si chiama “Teramum. La grande storia di Teramo… raccontata dai piccoli teramani!” l’operina musicale originale che andrà in scena, presso il Teatro comunale cittadino, martedì 3 dicembre alle ore 21.00, quando i riflettori si accenderanno sui 200 elementi a lavoro da oltre un anno al progetto ‘Interamnia’.

“Si tratta – spiega meglio Lia Valeri, dirigente scolastico dell’I.C. Zippilli-Lucidi – di una operina sorta nell’ambito delle iniziative promosse dal nostro istituto in qualità di scuola capofila del polo a orientamento artistico performativo Musichi@amo. Un progetto destinatario di un finanziamento MIUR del Piano Triennale delle Arti (misura ‘F’) che ha visto lavorare fianco a fianco l’I.C. Teramo 1 ‘Zippilli-Lucidi’, l’ISSMC ‘G. Braga’ e il Liceo Coreutico”.

Dalla sinergia fra queste istituzioni ha preso vita un percorso destinato agli allievi composto da laboratori pratici di musica di insieme, coro, teatro e danza, nei quali i diversi linguaggi artistici sono stati armonizzati. “L’obiettivo – continua la Valeri – era quello di offrire l’accesso a una delle forme esemplari della cultura italiana qual è l’Opera, promuovendo contemporaneamente la riattivazione di uno ‘sguardo caldo’ verso il nostro patrimonio urbano e culturale. È così nata ‘Teramum’, che dopo mesi di duro lavoro debutta oggi finalmente per la prima volta”.

Cinque saranno i ‘quadri’ messi in scena da bambini e ragazzi nei quali verranno rappresentati altrettanti momenti salienti della storia teramana, dall’incendio che nel 1150 distrusse la città fino al recente terremoto, passando per la visita della regina Giovanna alla figura di San Berardo. A consentirne la realizzazione un prezioso lavoro di ricerca svolto dalla regista Maria Egle Spatorno che ha poi declinato il tutto in un vero e proprio lavoro interdisciplinare. Narratori, attori e coro saranno gli alunni delle classi quinte dell’I.C. ‘Zippilli-Lucidi’, mentre gli studenti delle classi 1’A e 2’A del Liceo Coreutico avranno ovviamente il ruolo dei danzatori. Ma non è tutto. L’esecuzione musicale sarà ad opera dell’orchestra di fiati e percussioni dell’ISSM ‘G. Braga’ e dell’orchestra dell’I.C. ‘Zippilli-Lucidi’, entrambi diretti dal maestro Simone Genuini

“E’ un progetto davvero notevole – è il commento in merito del provveditore di Teramo Maria Cristina De Nicola – che lavora sulla creatività e sulla cittadinanza attiva, due competenze molto importanti che il progetto sviluppa mirabilmente. Allo stesso tempo favorisce un ritorno alla cultura e all’arte che contraddistinguono il nostro territorio e la nostra storia con un occhio rivolto allo sviluppo del pensiero divergente”.

Dello stesso avviso anche Maria Cristina Marroni, assessore alla Pubblica Istruzione del Comune di Teramo, che in particolare ha apprezzato “il senso ultimo del progetto. Il talento è sempre insito nei bambini e compito della scuola è proprio quello di scoprirlo e portarlo fuori. Riuscire in questo piccolo ‘miracolo’ fa onore, pertanto siamo fieri di sposare iniziative di questo genere”.   

“Un sentito ringraziamento – conclude Lia Valeri – va a tutti coloro che si sono spesi per un progetto impegnativo ma entusiasmante sotto numerosi punti di vista: dalla regista Maria Egle Spotorno a Stefano Befacchia, Marco Palladini e Nadia Rastelli, che hanno curato le musiche; da Mauro Di Giuseppe, a cui va il nostro grazie per l’allestimento delle scenografie, a Ilaria Carla Silverii e Pier Paolo Trani per i balletti. Un ringraziamento infine a Giuseppe Paci e Francesca Bargiglione, che hanno curato la preparazione preliminare delle orchestre, a Giuseppe Giugliano per quella dei cori e ad Andrea Di Sabatino, a cui va il merito dell’ideazione e direzione artistica di questa opera”.  

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *