martedì, Novembre 24, 2020
Home > Lazio > Velletri, sequestrati immobili per oltre 1,5 milioni di euro a un imprenditore sconosciuto al fisco

Velletri, sequestrati immobili per oltre 1,5 milioni di euro a un imprenditore sconosciuto al fisco

velletri

VELLETRI – Ammonta a oltre 1,5 milioni di euro il valore dei 12 cespiti – tra locali, capannoni e appartamenti – sequestrati dai Finanzieri del Comando Provinciale di Roma in esecuzione di un provvedimento emesso dal Giudice delle Indagini Preliminari del Tribunale di Velletri nei confronti di un imprenditore locale totalmente sconosciuto al fisco.

Agli occhi dei militari della Compagnia di Velletri, coordinati dal Gruppo di Frascati, non è sfuggito l’elevato tenore di vita dell’uomo, del tutto sproporzionato rispetto ai redditi dichiarati, circostanza che ha fatto scattare gli approfondimenti da cui è emersa una lucrosa attività decennale di compravendita di immobili acquistati, per lo più, attraverso aste giudiziarie.

L’imprenditore di Velletri si avvaleva di “teste di legno”

Per non apparire al fisco, l’imprenditore si avvaleva di “teste di legno” alle quali forniva la provvista necessaria per l’acquisto di unità immobiliari oggetto di procedure esecutive. Dopo averne curato la ristrutturazione, l’uomo si faceva rilasciare una procura speciale per la vendita, realizzando cospicui guadagni che non dichiarava al Fisco.

In altri casi, la proprietà degli immobili veniva trasferita “sulla carta” a cinque società costituite appositamente in Croazia, Romania e Regno Unito, riconducibili allo stesso imprenditore, usate come “schermo” per evitare l’imposizione dei canoni di locazione percepiti in Italia. I proventi degli affari – pari a oltre 6 milioni euro e mai dichiarati al Fisco – sono stati reimpiegati nell’acquisto di altre unità immobiliari, permettendo all’uomo di accumulare un cospicuo patrimonio. Sulla base di quanto ricostruito dai Finanzieri, il Tribunale di Velletri, su proposta della locale Procura della Repubblica, ha disposto il sequestro preventivo dei beni riconducibili all’indagato, finalizzato alla successiva confisca.

L’attività delle Fiamme Gialle si inquadra nella più ampia azione di contrasto all’economia sommersa e alle frodi fiscali le quali, oltre a sottrarre ingenti risorse finanziarie allo Stato, alterano le regole del mercato e danneggiano i cittadini e gli imprenditori onesti.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *