lunedì, 20 Gennaio, 2020
Home > Arte, Cultura e Spettacoli > Il film d’autore stasera in TV: “GANGS OF NEW YORK” giovedì 5 dicembre 2019

Il film d’autore stasera in TV: “GANGS OF NEW YORK” giovedì 5 dicembre 2019

film gangs of new york
Il film d’autore stasera in TV: “GANGS OF NEW YORK” giovedì 5 dicembre 2019 alle 21:10 su RAI MOVIE Gangs of New York - Five Points - screenshot.JPG Gangs of New York è un film del 2002 diretto da Martin Scorsese. Ispirato a The Gangs of New York: An Informal History of the Underworld, un trattato del 1928 sulle varie gang armate che popolavano il quartiere newyorkese dei Five Points nell’XIX secolo, il film è scritto da Jay CocksKenneth Lonergan e Steven Zaillian. Nel film, ambientato durante lo svolgimento della Guerra Civile Americana, il giovane irlandese Amsterdam Vallon (Leonardo DiCaprio) cerca vendetta contro il gangster William Cutting, detto “il Macellaio” (Daniel Day-Lewis), assassino di suo padre. Nel cast anche Cameron DiazJim BroadbentJohn C. ReillyHenry ThomasLiam Neeson e Brendan Gleeson. Frutto di un’idea di Scorsese e Cocks dei primi anni settanta, il progetto è rimasto in development hell per decenni, concretizzandosi solo nel 1999, grazie all’incontro con il produttore Harvey Weinstein. Girato interamente negli studi di Cinecittà, a Roma, dove è stato allestito un gigantesco set che ricostruiva la New York dell’epoca, il film ha avuto una produzione travagliata per via della sua mole e delle divergenze creative tra Scorsese e Weinstein. Ciò ha allungato di anni la realizzazione del progetto e fatto sforare il budget prestabilito, portandolo ad oltre 100 milioni, allora il più alto di sempre per un film di Scorsese. Il progetto ha subito un’altra battuta di arresto durante la post-produzione, prima per via degli attentati dell’11 settembre 2001 e poi in fase di montaggio, venendo infine distribuito il 20 dicembre 2002, dopo tre anni di lavoro. Gangs of New York ha ricevuto critiche generalmente positive e ne sono stati lodati principalmente la ricostruzione storica e la performance di Daniel Day-Lewis, mentre è stata oggetto di alcune critiche la sceneggiatura. È stato anche un discreto successo di pubblico, incassando oltre 190 milioni di dollari in tutto il mondo. Tra i vari premi a cui è stato candidato figurano 10 candidature agli Oscar (tra cui miglior filmmiglior regia e miglior attore a Day-Lewis), senza tuttavia nessuna vittoria. Nel 1846, il degradato quartiere dei Five Points a New York è teatro di violente lotte tra bande criminali che intendono assicurarsi il dominio del territorio: l’ultima di queste vede i discriminati Conigli Morti, irlandesi e cattolici, guidati da “Prete” Vallon, opporsi ai Nativi, protestanti e nazionalisti, capeggiati dal temibile William Cutting, detto “Bill il Macellaio” a causa della sua professione. Le due bande decidono di affrontarsi a Paradise Square per stabilire una volta per tutte a chi toccherà l’egemonia nel quartiere: al culmine della sanguinosa battaglia, Bill riesce a sconfiggere ed uccidere il rivale, ponendo fine alla guerra e sancendo la definitiva supremazia dei Nativi, mentre i Conigli Morti vengono banditi e condannati all’oblìo. In segno di rispetto verso l’odiato ma stimato avversario, Bill decide di risparmiare il figlio di Vallon, il piccolo Amsterdam, e lo fa mandare in riformatorio. Nel 1862, raggiunta la maggiore età, Amsterdam viene rilasciato e fa ritorno ai Five Points con l’intenzione di vendicarsi di Bill, diventato capo indiscusso della malavita del quartiere. Qui incontra il suo amico di infanzia Johnny ed altri ex membri dei Conigli Morti, ora impegnati nelle attività più disparate (alcuni continuano a vivere di criminalità spicciola, altri hanno cambiato casacca schierandosi coi Nativi, altri ancora sono entrati in polizia), e successivamente viene introdotto da Johnny nella piccola banda di cui egli fa parte insieme, tra gli altri, a Shang e Jimmy Spoils. Non passa troppo tempo che, sempre tramite Johnny, Amsterdam reincontra Bill il Macellaio: i propositi vendicativi del giovane irlandese vengono però di fatto soffocati dall’ammirazione e dal rispetto che, nonostante tutto, la figura del Macellaio riesce a suscitare in lui, mentre dal canto proprio lo stesso Bill, ignorando la vera identità del ragazzo, finisce per prenderlo sotto la sua protezione, ergendolo a proprio braccio destro, e poco alla volta sviluppa nei suoi confronti una sorta di affetto paterno. Nel frattempo, Amsterdam intraprende anche una difficile storia d’amore con la giovane borseggiatrice Jenny, una favorita di Bill, da tempo vanamente corteggiata anche dall’amico Johnny. Un giorno, Bill ed Amsterdam si recano presso il teatro dei Five Points, per assistere alla messa in scena de La capanna dello zio Tom. Durante lo spettacolo scoppiano disordini che sfociano ben presto in una vera e propria rissa, e nella confusione un sicario si avvicina a Bill, sparandogli. Solo l’intervento di Amsterdam, che si oppone al sicario e lo ferisce a morte nel corso della conseguente colluttazione, permette a Bill di non venire ucciso, e di cavarsela con una ferita non grave alla spalla. A seguito dell’episodio, che gli fa guadagnare ulteriore riconoscenza da parte del Macellaio, Amsterdam viene raggiunto dietro le quinte del palcoscenico dal rude Walter “Monk” McGinn, ex malvivente irlandese che pur non facendo davvero parte dei Conigli Morti collaborava spesso con loro: quest’ultimo, a muso duro, invita Amserdam a riflettere su ciò che ha appena fatto e su ciò che farà in futuro, ricordandogli come suo padre amasse il proprio popolo. Le parole di Monk inducono Amsterdam a riflettere, ed a convincerlo a pianificare l’uccisione di Bill, in occasione dell’imminente celebrazione della vittoria dei Nativi sui Conigli Morti, in programma presso la pagoda cinese di Sparrow. Poco prima della cerimonia Johnny, geloso della relazione tra Amsterdam e Jenny, svela per ripicca a Bill la vera identità del suo pupillo: il Macellaio dapprima provoca pesantemente Amsterdam ferendo intenzionalmente di striscio Jenny durante un’esibizione di lancio del coltello, e di lì a poco riesce ad evitare un coltello lanciatogli dal ragazzo, ferendolo a propria volta e facendolo sistemare dai suoi scagnozzi su un tavolo, dove lo massacra di botte davanti a tutti i presenti. Incitato dalla folla ad uccidere il suo ormai ex pupillo, Bill decide invece di risparmiare nuovamente il ragazzo, ma lo marchia crudelmente in volto per rendere noto a tutti il suo tradimento, affinché egli viva nella vergogna agli occhi dell’intera comunità dei Five Points. Convalescente, Amsterdam sembra ormai rassegnato a vivere isolato assieme a Jenny, ma il rasoio appartenuto al padre, restituitogli da McGinn, risveglia definitivamente in lui l’orgoglio sopito. Dopo essersi completamente ristabilito, il ragazzo rifonda insieme a Johnny, Shang e Jimmy Spoils la gang del padre, a cui si uniscono altri immigrati irlandesi, e stringe un’alleanza con l’importante uomo politico William Tweed, numero uno dell’associazione democratica Tammany Hall, anch’esso desideroso di arginare lo strapotere del Macellaio. Quest’ultimo, intuendo la minaccia della rinascita dei Conigli Morti, reagisce facendo pestare e ferire orribilmente Johnny, che viene poi lasciato agonizzante al centro di Paradise Squadre: qui Amsterdam lo raggiunge e decide di ucciderlo per porre fine alle sue sofferenze. Convinto a non utilizzare mezzi violenti per rivalersi, Amsterdam ottiene da Tweed di far candidare Monk come sceriffo cittadino tra le fila dei democratici, fatto che porrebbe fine ai soprusi nei confronti degli immigrati irlandesi: nonostante episodi di cooping e scorrettezze da ambo le parti, McGinn batte il candidato sostenuto dai Nativi. Furioso, Bill raggiunge Monk per sfidarlo e, quando questi non risponde alle sue provocazioni, lo uccide pubblicamente. Amsterdam sfida i Nativi ad una nuova battaglia ma, appena prima lo scontro abbia luogo, scoppiano in città dei violenti disordini popolari causati dall’imposizione della leva obbligatoria – e dalla possibilità di esenzione se si pagavano 300 dollari o si pagava per essere sostituiti da qualcun altro – per sostenere l’esercito nella guerra di Secessione, in cui rimangono linciati dalla folla numerosi cittadini benestanti e persone di colore. Le cannoniere bombardano la città, ed anche i FIve Points: a causa di una di queste esplosioni, Bill rimane gravemente ferito da una scheggia di metallo, ma “ottiene” di morire per mano di Amsterdam, con cui in qualche modo si riconcilia. Nel frattempo, la città viene messa a ferro e fuoco dall’esercito che, per domare la rivolta, non esita a sparare indiscriminatamente sulla folla di rivoltosi. Al termine della sommossa, domata dopo quattro giorni e quattro notti di lotta, rimangono sul terreno anche numerosi esponenti delle due bande. Amsterdam decide di seguire Jenny, che medita da tempo di emigrare nel West, non prima di aver sepolto le spoglie di Bill accanto a quelle di suo padre, su una collina che dà sulle sponde dell’East River. Con il passare dei decenni, le due tombe vengono via via dimenticate e celate dalla vegetazione, mentre l’aspetto della città muta nel tempo, dalla creazione del Ponte di Brooklyn fino alla Manhattan moderna, con le Torri Gemelle del World Trade Center ancora svettanti. Regia di Martin Scorsese Con: Leonardo Di Caprio, Daniel Day-Lewis, Cameron Diaz e Liam Neeson Fonte: WIKIPEDIA

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994 al 2015 ha collaborato regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero, Il Resto del Carlino, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Nel 2009 è direttore del quotidiano teramano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Ora direttore della testata giornalistica on line la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: