domenica, Ottobre 25, 2020
Home > Italia > Fiore (FN): “Il perchè della mia denuncia a Pizzarotti”. Il Sinlai: “L’antifascismo solo un pretesto”

Fiore (FN): “Il perchè della mia denuncia a Pizzarotti”. Il Sinlai: “L’antifascismo solo un pretesto”

forza nuova

Il leader di Forza Nuova Roberto Fiore in una nota e nei social conferma i perché della denuncia al sindaco Federico Pizzarotti.

“Vergognosa la limitazione della libertà di espressione che un sindaco ‘giacobino’ impone ignorando la Costituzione. Forza Nuova non firma protocolli politicamente corretti del pensiero unico e ha diritto di manifestare. Difendiamo la nostra libertà politica: è per questi motivi che ho presentato la mia denuncia contro il primo cittadino Pizzarotti”, ha spiegato il numero uno forzanovista.

Sulla denuncia sporta da Fiore si esprime anche Valerio Arenare (Silnai)

Sulla vicenda esprime la propria opinione anche Valerio Arenare segretario nazionale del Sinlai:

“Dopo che, durante la scorsa campagna elettorale per le elezioni europee, Forza Nuova si era illegittimamente vista negare l’occupazione di suolo pubblico per l’effettuazione dei comizi, il movimento di Roberto Fiore ha deciso di denunciare in procura l’operato del sindaco. Immediatamente CGIL CISL e Uil si sono espressi in favore di Pizzarotti, ergendosi a paladini dell’antifascismo”.

“Quello dell’antifascismo – aggiunge – è il pretesto più smaccato che usano CGIL CISL e Uil per tutelare le loro politiche immigrazioniste, visto che l’importazione di masse di disperati dall’Africa costituisce per loro un prezioso bacino cui attingere tesserati; stante la perdita di consenso che la triplice sta avendo tra i lavoratori italiani. E per questo attaccano Forza Nuova, che non fa altro che rimarcare il proprio diritto, costituzionalmente garantito, a fare propaganda politica, tanto più durante una campagna elettorale cui partecipa legittimamente.

D’altra parte, il presunto valore dell’antifascismo non emerge da alcun articolo della Costituzione, ma solo da una disposizione transitoria che, come tale, non può pregiudicare la libertà di movimento di un partito. CGIL CISL e Uil, se ve ne fosse ancora bisogno, hanno bisogno dell’immigrazione incontrollata per continuare ad esistere, pertanto contrastano FN, che è l’unico movimento che contrasta su tutto il territorio le politiche immigrazioniste”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *