sabato, Ottobre 31, 2020
Home > Mondo > Norad Tracks Santa: “Dove passa Babbo Natale con la sua slitta trainata dalle renne?”

Norad Tracks Santa: “Dove passa Babbo Natale con la sua slitta trainata dalle renne?”

babbo natale

di Anna Maria Cecchini

I bambini di ieri e di oggi hanno la possibilità di monitorare sin dal 1955 il lungo viaggio di Babbo Natale e la sua slitta stracolma di doni, trainata dalle sue 9 renne, capofila Rudolph che con il suo naso rosso -lampeggiante indica da sempre, la via all’omone grosso e buono, fino alla casa dei piccoli, trepidanti, che lo attendono con latte caldo e biscotti alla cannella.

Tutto ebbe il fortunato incipit da un felice errore: qualcuno dei magazzini Sears Roebuck & CO nel Colorado, patria di Saetta Mcqueen, scrisse un numero telefonico sbagliato su una pubblicità e le persone iniziarono a chiamare pensando di parlare con Santa Claus, chiedendo in quale città stesse consegnando i doni, dall’altra parte del filo rispondeva prontamente il Colonnello Harry Shoup, direttore delle operazioni della Continental Air Defence Command (CONAD) , denominata oggi NORAD, l’Istituto americano per eccellenza idoneo al pattugliamento radar dello spazio aereo nordamericano.

Harry forniva indicazioni esatte del passaggio di Babbo Natale

Harry non ha mai detto ai piccoli che avevano sbagliato numero, anzi senza battere ciglio, ordinava ai suoi di puntare i radar al Polo e forniva sempre indicazioni esatte del passaggio di Babbo Natale e la sua slitta, contribuendo ogni notte dal 24 dicembre del 1955 ad oggi, che NORAD ha scelto come patner di questa missione speciale, l’operatore di telecomunicazioni Verizon a far perdurare quell’atmosfera d’incanto poetico che ha accompagnato la nostra infanzia e caratterizza quella dei nostri figli, la stessa che ci ha reso degli adulti sereni, nonostante tutto.

Oggi possiamo rintracciare Santa Claus comodamente dal nostro divano, mentre raccontiamo una favola ai piccoli di casa, scaricando comodamente un’app gratuita, chiamata Norad Tracks Santa, utilizzabile durante tutta la notte del 24 Dicembre.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *