mercoledì, Novembre 25, 2020
Home > Abruzzo > Nota del Sindaco di Teramo D’Alberto sull’approvazione in Senato del “Decreto Sisma”

Nota del Sindaco di Teramo D’Alberto sull’approvazione in Senato del “Decreto Sisma”

teramo

Riceviamo dal sindaco di teramo Gianguido D’Alberto e pubblichiamo: “Il Decreto Legge “sisma” approvato dal Senato non risponde alle attese dei territori e non dà risposte reali per avviare davvero concretamente il processo della ricostruzione. Sebbene il metodo applicato sia apprezzabile, perché per la prima volta in fase di stesura si è dato vita ad un lavoro di interlocuzione con le istituzioni locali e i territori, il risultato è deludente.

Decreto sisma, “restano tutte in piedi le forti criticità lamentate dai Sindaci”

Restano infatti tutte in piedi le forti criticità lamentate dai Sindaci e dai Presidenti delle Regioni ed è pertanto necessario che il Governo intervenga ulteriormente per fornire quelle risposte che attendiamo da troppo tempo. Tutto muove dal fatto che si continua ad immaginare la nostra situazione come se fosse ordinaria: essa invece è straordinaria e pertanto occorrono misure straordinarie.

Le indicazioni concrete avanzate per mesi e mesi dai rappresentati del territorio sono eluse. Il personale: rimangono le 200 unità da distribuire fra USR e i 139 Comuni, una situazione che di fatto non consente di rendere operativa la norma che consente ai Comuni di entrare in gioco nella ricostruzione leggera; tra l’altro tali unitànon sono state nemmeno trasferite perché mancano le Ordinanze commissariali; quel poco che è stato dato, non è stata neppure attuato dal Commissario, e questo ha fatto perdere più di sei mesi all’intero processo. C’è poi la questione della la semplificazione dell’azione sulla ricostruzione pubblica, scolastica e dell’edilizia popolare. E quindi norme per agevolazioni puntuali (economiche, fiscali, finanziarie) a favore delle attività produttive: sia per  le attuali, sia per le nuove. Tutto disatteso.

Chiediamo  a questo punto al Governo, di considerare già nella Finanziaria e nel Milleproroghe in fase di elaborazione, l’ipotesi di inserire nuove norme in deroga alla disciplina vigente, di riconoscere finalmente l’eccezionalità della situazione dei nostri territori e soprattutto di definire le questioni non risolte. Si comprenda che non è possibile dar vita ad un processo di ricostruzione a costo zero: sono necessarie risorse aggiuntive a quelle ordinariamente previste.

Insomma, occorre coraggio; quel coraggio che è mancato anche in questo caso e che traduca le esigenze di comunità in atti concreti e interventi davvero risolutivi; non per modulare le norme ad una sorta di rassegnazione ma per riconsegnare alle nostre popolazioni quella speranza che purtroppo viene sempre più mortificata”.

Gianguido D’Alberto

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *