giovedì, Ottobre 29, 2020
Home > Abruzzo > Teramo, al Preside della Facoltà di Scienze della Comunicazione Christian Corsi il premio ANGI 2019

Teramo, al Preside della Facoltà di Scienze della Comunicazione Christian Corsi il premio ANGI 2019

angi

Per il suo impegno nel mondo accademico

TERAMO – Ieri mattina a Roma, presso la Camera dei Deputati, si è svolta la Cerimonia della II edizione del Premio Nazionale ANGI (Associazione Nazionale Giovani Innovatori) che annualmente conferisce ai migliori innovatori italiani del settore pubblico e privato un riconoscimento per il loro impegno professionale.

In virtù del suo impegno nel mondo accademico, l’ANGI ha conferito a Christian Corsi , preside della Facoltà di Scienze della comunicazione dell’Università di Teramo, una speciale targa come riconoscimento «della sua proattività nella realizzazione di concrete azioni di trasferimento tecnologico nel mondo dell’innovazione e dell’imprenditorialità accademica, attraverso iniziative e programmi a supporto dello sviluppo di spin-off universitari e startup innovative, oltre alla consolidata e costante dedizione all’attività di didattica e ricerca scientifica accademica».

ANGI, prima organizzazione nazionale no profit interamente dedicata al mondo dell’innovazione, è promotrice di eccellenze in ambito sociale, scientifico, tecnologico, formativo, culturale, dell’imprenditoria giovanile e dell’innovazione digitale, mirando a valorizzare i giovani professionisti emergenti del nostro Paese attraverso sinergie con le istituzioni e collaborazioni con università e aziende.

Durante la giornata sono state premiate le migliori startup italiane che si sono contraddistinte per il potenziale innovativo dei loro progetti in undici diversi settori. Molte sono state le rappresentanze istituzionali e del mondo aziendale, tra cui il Parlamento Europeo e l’Intergruppo Parlamentare Innovazione, quali promotori e portavoce della cerimonia di premiazione degli innovatori italiani. Alla conferenza hanno preso parte e sono intervenuti anche il ministro per l’Innovazione tecnologica e la Digitalizzazione Paola Pisano, il ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie Francesco Boccia, il commissario straordinario per l’attuazione dell’Agenda Digitale Luca Attias, il sottosegretario di Stato al Ministero della Difesa Angelo Tofalo, il viceministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Anna Ascani, il presidente del CNR Massimo Inguscio e il consigliere d’Amministrazione RAI Giampaolo Rossi.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *