mercoledì, Ottobre 21, 2020
Home > Italia > Anche il Comitato per gli Immigrati a salvaguardia dei Dipendenti a rischio licenziamento del Gruppo GEDI

Anche il Comitato per gli Immigrati a salvaguardia dei Dipendenti a rischio licenziamento del Gruppo GEDI

comitato

Questa mattina, dalla Dirigenza del “Comitato per gli Immigrati e contro ogni forma di discriminazione”, è stata rilasciata una nota diretta ai Dirigenti della Repubblica e del Gruppo Espresso – del Gruppo GEDI – che avrebbero messo a rischio licenziamento diversi Dipendenti, tra cui due Genovesi. Aleksandra Matikj, Presidentessa del Comitato, ha scritto:

«In un periodo in cui la crisi avanza, nel periodo di Natale, rende molto tristi leggere una notizia come quella che a livello nazionale, e quindi anche a Genova, rischiano di perdere il proprio lavoro diversi Dipendenti tra cui Fabio Bussalino ed Andrea Leoni, due bravissimi Professionisti che fanno ormai parte di ogni Manifestazione genovese. Questa operazione di tutto il gruppo Espresso che a livello nazionale tocca tutti i Fotogiornalisti delle Redazioni cittadine, non può non prendere in considerazione la voce di tutti, quindi anche le nostre. Fabio, ad esempio, riesce a cogliere le emozioni nelle proprie foto e dopo oltre 30 anni di lavoro, di certo non merita un trattamento del genere. La Repubblica e l’Espresso sono due notiziari importanti e grandi che hanno da sempre optato per la Democrazia, per la Dignità e per la libera espressione di ogni Cittadino e Residente in Italia. Speriamo quindi che anche questo nostro amichevole tentativo e la richiesta di ricollocamento immediato dei Lavoratori a rischio, possa essere utile al fine di riflettere su quella che è la situazione di oggi e, perché no, anziché lasciare a casa chi ha dedicato la vita al proprio Mestiere per decenni, pensare anche ad un Premio moralmente significativo per loro.

Il Comitato per gli Immigrati: “Siamo a fianco di ogni Persona possibilmente emarginata e discriminata”

Noi, come sempre, siamo a fianco di ogni Persona possibilmente emarginata e discriminata» – continua la Matikj – «ed oggi stiamo vicino a due volti storici che, si voglia ricordare, hanno le famiglie da mantenere come, del resto, tutti. Certa che questa nota possa essere anche gradita, perché scritta davvero con l’animo di chi le discriminazioni le ha subite sul posto di lavoro ed oggi chiede giustizia perché ingiustamente licenziata, colgo l’occasione di augurare a tutti Buon Natale.»

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *