lunedì, Novembre 30, 2020
Home > Italia > Che belle le luminarie ma…I consigli per evitare che diventino fonti di rischio

Che belle le luminarie ma…I consigli per evitare che diventino fonti di rischio

luminarie

Immancabili, come ogni anno di questo periodo, le luminarie o “luci dell’albero” che negli ultimi anni troviamo di tantissimi tipi. Per il loro utilizzo vi suggeriamo però alcuni accorgimenti.

  Le luci devono avere FOGLIETTINO ALLEGATO con MODALITÀ DI UTILIZZO E IL MARCHIO “CE” e meglio ancora se con il CONTROLLO DI QUALITÀ E il CONTROLLO di Garanzia. Un basso costo delle luminarie è spesso indice di bassa qualità delle stesse.

Fate attenzione a non mettere a contatto le luminarie con le scatole di cartone dei regali

Fare attenzione a non mettere a contatto le luci dell’albero con le scatole di cartone dei Regali perché anche i cartoni e la carta natalizia sono materiali facilmente combustibili e le luci sprigionano calore che potrebbero causare incendi: l’albero illuminato di notte e senz’altro suggestivo ma lasciarlo acceso di notte, non essendo presidiato, in caso di incendio sarebbe rischioso. Gli occupanti l’appartamento si accorgerebbero infatti troppo tardi della situazione di pericolo rispetto allo stato di veglia. Comunque in caso di principio di incendio contattare 115 e/o utilizzare una coperta antincendio o estintore allontanandosi dal luogo di pericolo e chiudendo la porta fino arrivo dei pompieri per evitare la propagazione di fumi assai nocivi/tossici e alimentare la combustione.

Infine se scegliete alberi artificiali acquistateli possibilmente ignifughi e se, invece, veri, possibilmente giovani e in buono stato di salute perché se secchi o vecchi tendono maggiormente all’infiammabilita. Buon Natale a tutti di VERO cuore.

RD Leo

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *