mercoledì, Ottobre 28, 2020
Home > Anticipazioni TV > Il film romantico consigliato in TV: “LA BELLA E LA BESTIA 2017” mercoledì 25 dicembre 2019

Il film romantico consigliato in TV: “LA BELLA E LA BESTIA 2017” mercoledì 25 dicembre 2019

FILM LA BELLA E LA BESTIA 2017
Il film romantico consigliato in TV: “LA BELLA E LA BESTIA 2017” mercoledì 25 dicembre 2019 alle 21:25 su RAI 1 
La bella e la bestia (Beauty and the Beast) è un film del 2017 diretto da Bill Condon e con Emma WatsonDan StevensLuke EvansKevin KlineJosh GadEwan McGregorStanley TucciIan McKellen ed Emma Thompson. Scritto da Evan Spiliotopoulos e Stephen Chbosky, il film è un remake in live action dell’omonimo film d’animazione del 1991, tratto dalla fiaba di Jeanne-Marie Leprince de Beaumont. È il primo film Disney in cui compare un personaggio omosessuale dichiarato: si tratta di Le Tont, interpretato da Josh Gad. Nel primo decennio del XIX secolo, nel cuore dell’Alsazia, in Francia, un giovane principe arrogante vive nel lusso e nell’agiatezza all’interno del suo castello, dando feste e balli, inondando di tasse le popolazioni dei villaggi vicini. Una sera d’inverno, giunge al castello un’anziana mendicante che, per mettere il principe alla prova, gli offre una rosa in cambio di ospitalità, ma viene respinta dal nobile superbo. La mendicante si mostra allora per quello che è in realtà, ossia una maga, che, per punire il giovane della sua arroganza, getta un incantesimo sul palazzo, trasformando il principe in una bestia orrenda, e i suoi più fedeli servitori tramutati in oggetti. Il sortilegio agisce inoltre su tutti i villaggi del principe, cancellando la memoria delle popolazioni che li abitano, i quali dimenticano l’esistenza del castello e dei suoi abitanti, come se non fossero mai esistiti. Il castello rimane così isolato nella foresta, in una sorta di inverno perenne e di spazio fuori tempo, per via dell’incantesimo. Prima di andare via, la maga lascia alla Bestia una rosa incantata: se il principe fosse riuscito ad amare e a farsi amare a sua volta prima che fosse caduto l’ultimo petalo, l’incantesimo si sarebbe spezzato; in caso contrario la magia sarebbe divenuta eterna. Dieci anni dopo a Villeneuve, un villaggio non lontano dal castello, Belle è una giovane e bella ragazza che vive lì col padre artista, Maurice. I suoi compaesani non la vedono di buon occhio, perché è intraprendente e diversa dalle tipiche ragazze della sua età. Il capitano Gaston, cacciatore e nonché scapolo più ricco e ambito dalle donne del villaggio ma assai arrogante e cinico, vorrebbe sposare Belle, credendo che basti solo la sua avvenenza a convincere la giovane a sposarlo. Belle rifiuta le sue attenzioni, ma questo non fa altro che accrescere l’ostinazione di Gaston verso di lei. Nel frattempo Maurice lascia il villaggio e parte verso una fiera artistica di un paese vicino, ma durante il tragitto, si perde nel bosco. Mentre infuria un temporale, Maurice scampa a un attacco dei lupi, rifugiandosi nel castello della Bestia avvolto dall’anormale clima invernale. Tuttavia dopo aver sentito uno degli oggetti parlare Maurice fugge spaventato, prima di uscire dal cancello si ferma a raccogliere una rosa dal giardino, in quanto Belle gliene aveva chiesta una come dono del viaggio. Tuttavia viene raggiunto dalla Bestia, che considerando Maurice un ladro, lo cattura e lo rinchiude in una cella nella torre del castello. Al villaggio, Belle viene raggiunta da Philippe, il cavallo di suo padre, che era riuscito a fuggire e a ritrovare la strada di casa. Il destriero conduce la ragazza al castello della Bestia, dove trova rinchiuso suo padre. Maurice avverte Belle della Bestia e la esorta a scappare, tuttavia la ragazza una volta incontrato La Bestia, offre se stessa come prigioniera al posto di suo padre. La Bestia accetta, e così Maurice viene liberato. Belle viene accolta dai servitori oggetti del castello, Lumière il candelabro, Tockins l’orologio e Mrs. Bric la teiera. Venuta a conoscenza di una misteriosa ala ovest del castello dove l’accesso è proibito, Belle scopre l’esistenza della rosa incantata. Raggiunta dalla Bestia, questi la scaccia via in malo modo, temendo che la ragazza volesse nuocere in qualche modo alla rosa magica. Belle fugge via ma durante la corsa a cavallo viene attaccata dai lupi: in suo aiuto accorre la Bestia, che riesce a salvare Belle, ma rimane ferito. La ragazza torna al castello con lui per curarlo. Durante la convalescenza, Mrs. Bric racconta a Belle di come il principe, da bambino, avesse perso la madre. Rimasto solo col padre altezzoso, che morì più tardi, il principe crebbe secondo una rigida educazione nobiliare, divenendo un uomo superbo. A Villeneuve, nel frattempo, Gaston non crede alle parole di Maurice sull’esistenza della Bestia e, per far rimanere orfana Belle e sposarla dato che ella non ha nessun altro parente, tenta di uccidere l’anziano artista, incatenandolo nel bosco in pasto ai lupi, ma Agata, che si rivela essere la maga che gettò l’incantesimo sul principe, salva l’uomo. Maurice accusa Gaston di tentato omicidio premeditato, ma non viene creduto, dato che Gaston è l’uomo più illustre e potente del villaggio, anche perché il suo amico Le Tont, corrotto e pagato da lui, lo difende; così il perfido cacciatore, per sposare Belle in cambio della libertà di suo padre, corrompe D’Arque, il proprietario del manicomio locale, affinché vi rinchiuda Maurice, che viene accusato dai compaesani di essere pazzo riguardo alla storia della Bestia, con Gaston che incoraggia le loro supposizioni. Intanto al castello Belle fa cambiare carattere alla Bestia aprendolo al mondo esterno con dolcezza e pazienza. Dopo aver trascorso settimane insieme e aver ballato romanticamente, la ragazza, grazie a un libro magico che la maga Agata ha lasciato alla Bestia, si teletrasporta nella casa in cui suo padre e sua madre vivevano quando lei era appena nata, a Parigi, scoprendo così cosa è successo a sua madre: la donna era morta di peste, e per questo Maurice era stato costretto ad andare via con Belle, scegliendo di vivere a Villeneuve.
Tuttavia, Belle è ancora triste perché non può più vedere suo padre. La Bestia le rivela però che può farlo tramite uno specchio magico che mostra il mondo esterno, altro oggetto della maga. Belle vede nello specchio che suo padre sta per essere portato in manicomio e così, dando un saluto commovente alla Bestia, corre al villaggio, cercando di difendere Maurice e dichiarando che non è pazzo e che la Bestia esiste veramente. Vedendo che nessuno gli crede, Belle usa lo specchio magico che la Bestia le aveva donato come regalo d’addio, mostrando il volto del nobile. Il geloso Gaston, capendo che Belle non è innamorata di lui ma della Bestia, ordina alla folla di andare al castello per uccidere la Bestia, rinchiudendo cosi Belle e Maurice nel carro del manicomio, per impedirgli di avvertire la Bestia del pericolo. Ma grazie all’ingegno di Maurice, padre e figlia riescono a uscire, permettendo così a Belle di dirigersi al castello.
Gaston e i compaesani vanno alla volta del castello, ma i servitori intervengono e così si svolge una grande battaglia, durante la quale Le Tont, dopo aver compreso la malvagità di Gaston, si mette dalla parte dei servitori magici, mentre tutti i compaesani vengono sconfitti. Intanto, infuria la battaglia tra Gaston e la Bestia sulla torre più alta del castello. Sopraggiunge Belle, ma Gaston spara diversi colpi di pistola alla Bestia ferendola gravemente. Tuttavia, a causa dei cedimenti del castello, Gaston precipita nel burrone sottostante al castello e muore. Anche la Bestia sta morendo per gli spari ricevuti, ma Belle dice che lo ama proprio mentre cade l’ultimo petalo della rosa, così Agata guarisce magicamente il principe da tutte le ferite e lo fa tornare umano oltre a spezzare l’incantesimo completamente: il castello torna al suo splendore originale, i servitori oggetti tornano umani e gli abitanti del villaggio recuperano la memoria, ricordando l’esistenza del principe e dei loro parenti servitori rimasti con lui. Belle si sposa col principe e la vita del castello e della provincia torna alla normalità. Personaggi
  • Belle, interpretata da Emma Watson. Protagonista femminile della storia, è una giovane donna dai lunghi capelli castani. Sognatrice, amante dei libri, ottima inventrice e capace di guardare oltre le apparenze, si innamora della Bestia e trova l’umano di buon cuore represso in lui.
  • La Bestia, interpretata da Dan Stevens. Protagonista maschile, un giovane principe dal cuore freddo trasformato in una bestia come punizione per il suo egoismo e destinato, con l’aiuto di Belle, a ritrovare la sua umanità sopita e ritornare ad essere il ragazzo che era. Grazie alla sua costosa istruzione, condivide con Belle la passione per la lettura.
  • Gaston, interpretato da Luke Evans. L’antagonista principale, un cacciatore prestante, arrogante e maschilista, che gareggia per la mano di Belle e non ammette sconfitta.
  • Lumière, interpretato da Ewan McGregor: Il maître del castello della Bestia, di buon cuore ma ribelle, trasformato dal sortilegio lanciato sul castello in un candelabro. Ha l’abitudine di ribellarsi alle rigide regole del suo padrone, nonostante nutra verso i suoi confronti un forte timore. Ha una relazione con Spolverina.
  • Tockins, interpretato da Ian McKellen: Il colto ed efficiente maggiordomo del castello, trasformato in un pendolo. È il migliore amico di Lumière, a differenza del quale è però estremamente leale alla Bestia e ligio ai suoi ordini, il che causa spesso attriti fra lui e l’amico.
  • Mrs. Bric, interpretata da Emma Thompson: La governante del castello, trasformata in una teiera, che assume un atteggiamento materno verso Belle. Oltre al suo lavoro ufficiale, Mrs. Bric è anche una bravissima cantante, ed è infatti proprio sulla sua voce che Belle e la Bestia danzeranno il loro primo ballo.
  • Chicco, interpretato da Nathan Mack: Una tazza da tè, figlio di Mrs. Bric.
  • Maurice, interpretato da Kevin Kline: Un artista, padre di Belle. Viene considerato dai suoi compaesani un vecchio pazzo.
  • LeTont, interpretato da Josh Gad: L’aiutante maldestro, testardo, tonto e buffo di Gaston. Viene spesso maltrattato dal suo capo, che comunque non manca di idolatrare. Ha un debole per Gaston, ma nel corso della storia si renderà conto della sua malvagità e aiuterà gli oggetti del castello.
  • Spolverina, interpretata da Gugu Mbatha-Raw: Una cameriera del maniero della Bestia, fidanzata di Lumière e trasformata in uno spolverino con delle sembianze che ricordano un pavone bianco.
  • Madame Guardaroba, interpretata da Audra McDonald: La cantante lirica e l’autorità del castello sulla moda, trasformata in un armadio, è la moglie del Maestro Cadenza.
  • Maestro Cadenza, interpretato da Stanley Tucci: Il compositore del castello e marito di Madame Guardaroba. Trasformato in un clavicembalo, è un personaggio originale, creato appositamente per il film ma, come mansione e oggetto in cui è stato trasformato, parzialmente ispirato al Maestro Forte del film La bella e la bestia: Un magico Natale.
  • Frou-Frou: Il cane del castello (Sultano nella versione animata), trasformato in un poggiapiedi, è l’animale domestico di Madame Guardaroba e del Maestro Cadenza.
  • Agata, interpretata da Hattie Morahan: la maga che trasforma il principe in una bestia per punirlo della sua arroganza. Come Belle, è discriminata dagli abitanti del villaggio perché dalla morte del padre è rimasta zitella e chiede l’elemosina.
  • Monsieur Jean Bric, interpretato da Gerard Horan: è un abitante del villaggio che, per quanto regredito come gli altri, è il più gentile con Belle e Maurice, insieme al bibliotecario. Si unirà alla battaglia contro la Bestia per difendere il villaggio e, durante la battaglia, ritroverà sua moglie e suo figlio, Mrs. Bric e Chicco, con i quali resterà anche dopo la fine.
Regia di Bill Condon Con Emma WatsonDan StevensLuke EvansKevin KlineJosh GadEwan McGregorStanley TucciIan McKellen ed Emma Thompson Fonte: WIKIPEDIA
Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *