domenica, Ottobre 24, 2021
Home > Italia > L’oroscopo e tutto quello che non si “prevede”

L’oroscopo e tutto quello che non si “prevede”

Quando si inaugura un anno nuovo sono moltissimi quelli che chiedono agli astri cosa accadrà, tanto che le trasmissioni televisive e giornali abbondano di oroscopi. Non sono pochi quelli che credono realmente che Giove o Saturno possano essere in opposizione o Venere favorevole, per fare qualche esempio e dunque gli influssi dei pianeti determineranno azioni o vicende personali.

Arthur Schopenahuer filosofo tedesco la pensava in maniera diversa: “Una dimostrazione grandiosa della miserabile soggettività degli uomini per cui essi riferiscono ogni cosa a se stessi e da ogni pensiero risalgono immediatamente a sé in linea diretta è offerta dall’astrologia che riferisce la rotta dei grandi corpi celesti al miserabile io e mette in rapporto le comete del cielo con le beghe e le meschinità terrene”.

In pratica il filosofo diceva questo: io litigo con qualcuno, compro un vestito,  parto per un viaggio, trovo lavoro, vado a mangiare con gli amici, vado dal dottore o vendo un quadro e altre “miserabili” questioni umane… Come posso pensare che siano il risultato del complesso sistema celeste di orbite e movimenti, dei pianeti, delle stelle,delle supernove che come sappiamo oggi, affollano in miliardi di corpi le galassie ellittiche, a spirale e irregolari?

Ma c’è qualcos’altro che i lettori degli oroscopi spesso trascurano. Nelle previsioni future mancano di solito le cattive notizie. Certamente leggere o ascoltare alla radio o in Tv che si possa subire un incidente stradale, un furto, smarrire un portafogli o semplicemente morire (per diverse cause) può essere deprimente. Eppure statisticamente parlando dovrebbe rientrare a pieno titolo nelle “anticipazioni” di ogni segno dello Zodiaco. Solo per fare un esempio i decessi nel mondo sono circa 500mila al giorno, il che significa che tutti i 12 periodi di nascita dell’anno “sono coperti”, compresi la scimmia, il cane, il drago ovvero quelli dello Zodiaco cinese che dovrebbe interessare qualche centinaio di milioni di persone. Senza parlare di guerre, attentati, violenza in generale, carestie o morti per malattie cardiache. E in fondo anche di giornate che si ripetono tutte uguali senza grandi scossoni, sorprese, né incontri particolari che dovrebbero dare una svolta alla vita.

D’altra parte negli oroscopi si trovano espressioni tipo queste: “Sei estroverso, mentre altre volte sei riservato. Trovi che non sia saggio dire troppo di te agli estranei. Pensi in modo indipendente e hai bisogno di prove prima di credere ingenuamente qualcosa. Nella vita ti piace la varietà e le regole restrittive ti rendono infelice. Hai molte risorse, che non sfrutti completamente. Tendi a essere critico nei confronti delle cose che fai e delle tue capacità”. Per la maggioranza della gente sono frasi che potrebbero risultare vere e che molti attribuirebbero senza esitazione a se stessi.

Alcuni anni fa per fare un esperimento, lo psicologo francese Michel Gauquelin mandò a un astrologo, perché li interpretasse, la data e il luogo di nascita di un assassino che era stato giustiziato. Poi inviò il risultato a 150 persone che avevano risposto a una sua inserzione in cui offriva oroscopi gratuiti. L’esito? Il 90% delle persone disse che l’oroscopo ricevuto descriveva accuratamente la loro personalità e l’80% disse che perfino gli amici e i familiari erano d’accordo.

E allora, visto la difficoltà se non l’impossibilità di sapere cosa accadrà per filo e per segno domani, non è meglio vivere con meno ansia e serenamente riconoscere come diceva il Vangelo, che “basta a ciascun giorno la propria pena”?

Roberto Guidotti

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net