mercoledì, Aprile 14, 2021
Home > Italia > Messa in pensione e poi “resuscitata”: storia del salvataggio della Befana ad opera di una Greta Thunberg tutta marchigiana

Messa in pensione e poi “resuscitata”: storia del salvataggio della Befana ad opera di una Greta Thunberg tutta marchigiana

di Maurizio Verdenelli 

Sino al 1985 e prima del Dpr 793 (a firma del Presidente Francesco Cossiga) la Befana ‘ tutte le feste’ non portava piu’ via. Semplicemente perché, anticipando la legge Fornero, era stata posta coattivamente in pensione anticipata insieme con numerose altre festività religiose in forza alla legge 54 del 5 marzo 1977.

E se ora la simpatica vecchietta, unica tra tutte, è stata rimessa in servizio attivo, lo si deve ad un’operazione tutta marchigiana risalente a tre anni prima di quel Dpr venuto per la gioia di tutti i bambini italiani. La punta di diamante di questa ‘Marche connection’, della fantastica storia di Natale fuori tempo massimo ma (udite udite) a lieto fine e’ una Greta Thunberg serravallese, ora madre di famiglia a Foligno.

La storia della sudentessa che “salvò” la Befana

Ma nell’ inverno dell’ 82 Alessandra Conti, questo il suo nome, era una studentessa delle medie di Serravalle di Chienti che insieme con i suoi compagni di scuola (tra i quali un futuro sindaco di Camerino, Gianluca Pasqui) si trovava in viaggio alla volta di Roma, destinazione il Quirinale. Erano gli anni, non solo purtroppo tragicamente ‘di piombo, ma fortunatamente per l’italia del Presidente Sandro Pertini che aveva aperto le porte dell’ex Palazzo dei Papi agli studenti italiani.

Ed un giovane assessore di Serravalle Venanzo Ronchetti, prossimo a diventare celebre nel Paese come ‘il sindaco del terremoto, aveva chiesto ed ottenuto il pass per i ragazzi del Paese. Venanzo, socialista, era riuscito subito ad entrare in empatia con il ‘Compagno Sandro’,  nel nome di Pietro Capuzi eroe della Resistenza, grazie al quale provvidenzialmente il futuro Capo dello Stato si era salvato dalla fucilazione a Visso (bloccato a Pieve Torina da un febbrone nell’imperversare della tormenta).

“Pertini mi abbraccio’ nel nome di Capuzi, piangendo”, ricorda Ronchetti. E poi alla Sua richiesta di un desiderio da parte dei ragazzi, Alessandra aveva richiesto che fosse ripristinata la festa della Befana. E il Presidente disse subito, affettuoso: Ne parlero’ con Spadolini”.

L’allora premier, il primo non dc del dopoguerra, treiese di ritorno e d’adozione, porto’ avanti alacremente la pratica. Che firmo’ poi il successore di Pertini, Francesco Cossiga. La richiesta di Alessandra, occorre dire, ebbe poi nella campagna del giornale romano Il Messaggero un supporter d’eccezione. Ma fu una battaglia vinta, la prima (ed ultima, ci risulta) di una studentessa, pre-Greta, contro l’invisibile Moloch italiano fatto di politica, burocrazia, rinvii e proroghe.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *