venerdì, Ottobre 22, 2021
Home > Abruzzo > Ripascimento di Alba Adriatica, botta e risposta tra Pepe e D’Annuntiis

Ripascimento di Alba Adriatica, botta e risposta tra Pepe e D’Annuntiis

riordino

TERAMO – “Leggo, stupefatto , le dichiarazioni del consigliere Pepe che, dopo aver governato in modo fallimentare per 5 anni la Regione Abruzzo  ora, in crisi di astinenza da inaugurazione di cantine e sagre, si diletta a trascorrere la giornata vedendo video e facendo comunicati stampa.  Purtroppo chi non ha saputo amministrare o pecca anche nella comunicazione oppure è in assoluta malafede”. 

Così risponde il sottosegretario alla Presidenza della Giunta regionale, Umberto D’Annuntiis, alle affermazioni del consigliere regionale del Pd ed ex assessore regionale Dino Pepe, relativamente alla questione del ripascimento di Alba Adriatica.

Non si fa attendere la replica di Pepe: “Spiacciono e meravigliano le offese del Sottosegretario D’Annuntiis. Il confronto e la critica sono alla base della vita democratica. Non si risponde alle osservazioni e alle domande dell’opposizione cercando di offendere e di buttarla in gazzarra”

Purtroppo è ormai chiaro – aggiunge – che il Sottosegretario alla Presidenza della Giunta regionale, Umberto D’Annuntiis, non sappia minimamente cosa sia il rispetto istituzionale e che sia totalmente refrattario ad un sano e corretto confronto politico, ma definirmi, con spregio e livore, “assessore alle sagre e alle cantine” credo sia uno dei punti più bassi mai raggiunti dalla nostra politica regionale, un po’ come se io lo apostrofassi “panchinaro di Giunta” o “mezzo assessore”, tutti termini che non appartengono minimamente al mio linguaggio umano e politico”.

In attesa delle scuse ufficiali per un simile linguaggio, indegno di chi ricopre un ruolo così importante in Regione Abruzzo, da parte del Sottosegretario Umberto D’Annuntiis e di una netta presa di distanza del Governatore Marsilio, che più volte ha stigmatizzato tali uscite, e dei vertici regionali di Forza Italia, provo a riformulare la mia domanda, annunciando sin da ora che, se non avrò nuovamente risposta, ne chiederò conto nel prossimo Consiglio Regionale: come mai, dopo anni passati a combattere il ripascimento ora il Sottosegretario alla Presidenza della Giunta regionale annuncia ben 410 mila euro di interventi per il ripascimento per il Comune di Alba Adriatica? Cosa gli ha fatto cambiare idea, dopo anni passati a combattere “ferocemente” questa pratica? Quali altri interventi di ripascimento intende fare sulla costa teramana? Intende anche soddisfare le esigenze degli altri comuni, primo tra tutti Martinsicuro? Cosa ne pensano i suoi alleati della Lega che, invece, si sono sempre detti contrari a questo modus operandi?” ribadisce Pepe.

Purtroppo l’ex Sindaco di Corropoli è da sempre bravissimo a fare polemica, ma conferma di non amare il confronto sui temi mentre, a livello regionale, è di questo che dovremmo discutere, delle tematiche che interessano i nostri concittadini” conclude Dino Pepe. “Mi permetta infine di ricordargli come i conti sul nostro operato li faranno gli elettori tra 5 anni, come hanno fatto con me rieleggendomi, serve quindi a poco rivangare sempre il passato. E poi caro Sottosegretario non offenda la fatica degli agricoltori e degli operatori del settore vitivinicolo che, in questi anni, è cresciuto e si è sviluppato promuovendo l’Abruzzo nel mondo con il Montepulciano, ma non solo. Infine la prego di avere rispetto delle Pro Loco, dei loro volontari e dirigenti, per il loro impagabile lavoro di promozione turistica del territorio. Il tema del mio intervento è l’erosione costiera, non l’agricoltura e nemmeno le Pro Loco e le sagre. Magari di questi temi parleremo in altro momento! Caro Sottosegretario riguardo invece ai fondi del Masterplan adesso, se ne ha la forza politica, potrà cercare lei di rimodularli come meglio crede!”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net