giovedì, 2 Aprile, 2020
Home > Marche > Ubriachi al volante: i numeri delle Marche

Ubriachi al volante: i numeri delle Marche

chieti

Ancona – I gravi incidenti stradali con vittime offrono lo spunto per approfondire alcune situazioni potenzialmente molto rischiose: ovvero quanti sono quelli che guidano pur non essendo lucidi a causa dell’alcol.

Secondo i dati di polizia e carabinieri, presenti sul sito trumbers.it tra i conducenti sottoposti a controllo con etilometro nel 2018 il 5,1% è risultato positivo. Questo è un dato nazionale.

Ma carabinieri e polizia forniscono anche i dati relativi ai controlli svolti ogni settimana tra le 22 del venerdì e le 6 del sabato e tra le 22 del sabato e le 6 della domenica. Sono i dati dell’Osservatorio permanente “Stragi del sabato sera”. I dati per le Marche mostrano un 4% di positività all’alcol rispetto al numero dei controlli. Non è poco, e sono sicuramente un rischio per loro, per altri conducenti, passeggeri e pedoni. In questo caso però le Marche non sono tra le regioni più pericolose.

Al primo posto la Sardegna con 9,6% seguita dalla Lombardia con 7,8%. Le strade più tranquille sembrano, almeno in teoria quelle del Molise con 1,3% di conducenti positivi agli alcol/test.

Cosa dice specificamente la legge al riguardo? La normativa attuale italiana stabilisce come valore limite legale il tasso di alcolemia di 0,5 g/litro di sangue: guidare un veicolo oltre questo limite – e quindi in stato di ebbrezza – costituisce un reato, punito, oltre che con la perdita di 10 punti della patente, con le sanzioni previste dagli articoli 186 e 186 bis del Codice della Strada. Le sanzioni cambiano tra le categorie 0.5-08 g/litro; 0,8-1,5 g/litro e oltre 1,5 g/litro.

Roberto Guidotti

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Roberto Guidotti
Giornalista pubblicista iscritto all'Albo dei giornalisti delle Marche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *