martedì, 7 Aprile, 2020
Home > Sport in Pillole > Sport, Samb: rossoblu stoici, espugnato il Nereo Rocco in nove uomini, Triestina 1 – Samb 2. Sugli scudi il nuovo portiere Massolo

Sport, Samb: rossoblu stoici, espugnato il Nereo Rocco in nove uomini, Triestina 1 – Samb 2. Sugli scudi il nuovo portiere Massolo

di Marco De Berardinis

Grande gara dei rossoblu subito in goal con Cernigoi, nella ripresa raddoppio di Di Pasquale, rigore parato da Massolo e rete di Costantino allo scadere per gli alabardati. Espulsi Miceli e Cernigoi

Vittoria storica quella dei rossoblu al Nereo Rocco di Trieste, dove non avevano mai vinto, usciti vittoriosi dal rettangolo verde per 1-2 e con due uomini in meno. Passati subito in vantaggio con Cernigoi, i rivieraschi erano riusciti ad imbrigliare i costanti attacchi dei giuliani nonostante fossero rimasti in dieci dopo appena 9 minuti di gioco per l’espulsione di Miceli. Il raddoppio nella ripresa ad opera di Di Pasquale è suonato come una condanna per gli alabardati che, come morsi da una tarantola, hanno attaccato a testa bassa alla ricerca disperata del pareggio, nonostante i rossoblu fossero rimasti in nove per l’espulsione per doppia ammonizione di Cernigoi. La rete segnata allo scadere del match di Costantino è arrivata troppo tardi ed i rossoblu sono riusciti nell’intendo di portare a casa una preziosissima vittoria. Eroe della giornata il nuovo portiere Massolo che, oltre ad essere stato autore di interventi decisivi, ha anche parato un rigore.

Contro gli alabardati il tecnico Montero, assente per qualifica sostituito in panchina da Dottori, confermava per nove undicesimi la formazione uscita sconfitta da Carpi prima della sosta, nello specifico il nuovo arrivato Massolo faceva il suo esordio tra i pali al posto del ristabilito Santurro che comunque andava in panchina, mentre Miceli prendeva il posto di Carillo in difesa, assente per qualifica Di Massimo, confermato il  modulo 4-3-3. Dall’altra parte il tecnico Gautieri confermava per dieci undicesimi la formazione che aveva sbancato il Romeo Neri di Rimini prima della sosta, unica novità il nuovo acquisto Lodi subito titolare al posto di Becccaro, mentre dal 4-3-3 passava al più equilibrato 4-3-1-2.

PRIMO TEMPO

Neanche il tempo per le due squadre di posizionarsi in campo che i rossoblu al primo affondo passavano in vantaggio, al 4′ angolo di Frediani per Rapisarda che di testa colpiva la parte bassa della traversa, sulla ribattuta arrivava Cernigoi che ad un passo dalla porta, sempre di testa, la metteva dentro. Triestina 0 – Samb 1.

All’8′ i rossoblu rimanevano in dieci, sventurato retropassaggio di Rapisarda che lanciava Granoche in campo aperto, Miceli lo affrontava facendolo cadere a terra, per l’arbitro non c’erano dubbi, era calcio di rigore e rosso diretto per Miceli per chiara occasione da rete. Samb in dieci. A quel punto Dottori faceva uscire un attaccante (Orlando) per un difensore (Di Pasquale), con la Samb che passava al 4-3-2. I friulani pigiavano sull’acceleratore alla ricerca del pareggio cingendo d’assedio la porta difesa da Massolo.

Al 14′ punizione di Lodi per Granoche, l’attaccante  uruguagio di testa sfiorava il palo più lontano, alabardati vicini al pareggio. Al 20′ Procaccio riceveva palla in area e puntava Rapisarda aiutato da Gelonese, il capitano rossoblu lo toccava in modo veniale con Procaccio che cadeva, per l’arbitro Paterna era rigore, tra le veementi proteste dei rossoblu. Batteva Granoche ma il nuovo arrivato Massolo, nonostante la sfera fosse stata calciata forte e a mezz’altezza, intercettava la stessa e sventava la minaccia.

Nonostante l’assedio degli alabardati e l’uomo in meno, i rossoblu non rinunciavano a ripartire in contropiede, tant’è che al 28’ palla di Frediani per Cernigoi in profondità, lo chiudeva Malomo in scivolata. I giuliani rispondevano al 31′ con un cross di Formiconi per Maracchi, che veniva anticipato dalla preziosa copertura di Rapisarda. Gli alabardati insistevano nei loro attacchi ma i rossoblu in contropiede tenevano in costante ambasce la retroguardia giuliana, infatti allo scadere del tempo errore di Codromaz che cedeva palla a Cernigoi, cross in mezzo a cercare Frediani, Offredi salvava tutto uscendo in presa aerea. Il duplice fischio dell’arbitro decretava la fine delle ostilità segnatamente alla prima frazione di gioco, terminata sul risultato di 0-1 in favore dei rivieraschi.

SECONDO TEMPO

La ripresa iniziava con i padroni di casa subito aggressivi alla ricerca del pari e si rendevano pericolosi con il nuovo entrato Costantino al 48’ che andava anche in rete ma l’arbitro annullava per fuorigioco dello stesso Costantino. Un minuto più tardi cross in area per Procaccio che calciava a botta sicura, Massolo si superava respingendo il tiro del fantasista alabardato.

Al 55′ Gelonese concedeva una punizione da posizione pericolosa per il mancino di Lodi, la sfera si stampava sulla barriera, Procaccio la rimetteva dentro per Granoche che incrociava, palla a lato di un soffio, Triestina vicinissima al goal. Al 61’ però i rossoblu raddoppiavano: punizione da 40 metri per i rivieraschi, sinistro tagliato in area di Volpicelli su cui si avventava Di Pasquale che di testa insaccava in rete per lo 0-2

Al 25′ incredibile decisione di Paterna che ammoniva per la seconda volta Cernigoi valutando una simulazione la caduta a centrocampo dell’attaccante rossoblu, secondo giallo per lui ed espulsione. Samb in nove. Con due uomini in più, la Triestina attaccava a testa bassa costringendo i rossoblu a rintanarsi nella propria trequarti. Al 72′ dopo un’azione arrembante gli alabardati colpivano un legno con Lodi con un tiro dalla distanza.

Al 76′ gran palla di Lodi per Mensah, che a due passi dalla porta si faceva fermare dall’ottimo Massolo. Era un vero e proprio assedio: all’ 88′ sponda di Costantino per Lodi, che sparava a lato. All’89′ tentativo da fuori di Frascatore, fermato dalla risposta di Massolo, sull’angolo successivo tentativo di Gatto e risposta coi pugni di Massolo, prima della respinta di Gemignani in corner. Allo scadere sull’ennesimo piazzato la Triestina trovava la combinazione giusta: palla per Paulinho e grande cross in mezzo per Costantino, che infilava in porta. Triestina 1 – Samb 2. Nei quattro minuti di recupero concessi dall’arbitro, i ragazzi di Dottori riuscivano a neutralizzare i forsennati attacchi dei giuliani, portando in porto una vittoria storica, visto che i rivieraschi non avevano mai vinto in casa della Triestina. Finale dunque: Triestina 1 – Samb 2.

Questo il tabellino della gara Triestina – Sambenedettese.

Triestina (4-3-1-2): Offredi; Formiconi (69’ Mensah), Malomo, Codromaz (59’ Gatto), Lambrughi ©; Giorico (74’ Paulinho), Lodi, Maracchi (58’ Frascatore); Procaccio; Granoche, Gomez (46’ Costantino). A disp. Matosevic, Steffé, Ermacora, Scrugli, Cernuto, Salata. All. C. Gautieri

Sambenedettese (4-3-3): Massolo; Rapisarda ©, Biondi, Miceli, Gemignani; Gelonese (82’ Carillo), Angiulli, Frediani (74’ Rocchi); Volpicelli (74’ Grandolfo), Cernigoi, Orlando (9’ Di Pasquale). A disp. Santurro, Fusco, Trillò, Bove, Piredda, Garofalo, Panaioli, Rea. All. G. Dottori

TERNA A.: Daniele Paterna di Teramo. Giudici di linea: C. Gualtieri/M. Massimino

NOTE: Serata invernale, temperatura 5° C. circa, terreno di gioco in buone condizioni. Spettatori 3.000 circa di cui circa 100 giunti da San Benedetto. Triestina in completo rosso, Samb con  casacca bianca e pantaloncini blu.

MARCATORI: 4’ Cernigoi (S.), 61’ Di Pasquale (S.), 90’ Costantino (T.)

AMMONITI: 18’ Volipicelli (S.), 35’ Maracchi (T.), 65’ Cernigoi (S.), 78’ Malomo (T.), 78’ Rapisarda (S.)

ESPULSI: 9’ Miceli (S.), 70’ Cernigoi (S.)

ANGOLI: 8 -1

RECUPERO: 2’ 1° T. – 4’ 2° T.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *