mercoledì, Dicembre 2, 2020
Home > Mondo > Il grande accordo con la Cina secondo passo di Trump verso la rielezione

Il grande accordo con la Cina secondo passo di Trump verso la rielezione

trump

Trump: sui dazi accordo epocale con la Cina


Dopo aver messo il regime Iraniano alle corde, Trump riscuote un nuovo successo con l’accordo commerciale con la Cina.

“Facciamo un passo mai fatto prima con la Cina” ha dichiarato il Presidente americano, un “passo avanti verso scambi commerciali corretti” che “riscrive gli errori del passato” e garantisce “un futuro di giustizia agli agricoltori,ai lavoratori e alle famiglie americane”.

Questi i commenti trionfali di Donald Trump, annunciando la firma sul primo accordo doganale e commerciale con la Cina in vista del secondo round.

L’inquilino della Casa Bianca ha definito l’accordo un passaggio “storico” ed una “pietra miliare”:”Insieme stiamo raddrizzando gli errori del passato” ha concluso Trump , assicurando che visiterà presto Pechino.

Trump mette così a segno un secondo grande passo verso la rielezione alla Casa Bianca dopo aver messo in grande difficoltà gli ayatollah iraniani., ed oscurando definitivamente i tentativi democratici al Congresso di giungere ad un improbabile impeachment del Presidente.

Nuovo colpo messo a segno quindi da Trump utilizzando la prioverbiale tattica del bastone e della carota con il gigante Cinese, come già fatto nella polveriera mediorientale con l’Iran.

Nel recente scontro con l’Iran Trump aveva infatti dichiarato: “Ci hanno attaccato e noi abbiamo contrattaccato. Se attaccano di nuovo li colpiremo più forte”.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump aveva avvertito infatti l’Iran che, se si fosse vendicato per l’uccisione del generale Qassem Soleimani, dovrà far fronte all’attacco degli Stati Uniti su 52 bersagli, un numero che ha dichiarato simbolico.

Poi è accaduto il terribile abbattimento dell’aereo civile Ucraino da parte della contraerea di Teheran ha sancire la vittoria indiscussa di trump nel confronto scatenatosi, mettendo così in grande difficoltà l’opposizione interna democratica.

Appare quindi sempre più probabile che l’eterno outsider Donald Trump riuscirà per la seconda volta a guadagnarsi l’elezione alla Casa Bianca in barba alla opposizione democratica che cerca di ottenere l’impeachment presidenziale ed ai mass media a stelle e strisce che di nuovo si schierano in massa contro l’attuale Presidente.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *