sabato, Gennaio 23, 2021
Home > Abruzzo > Rifondazione Comunista scende in piazza a Teramo su temi sociali e lavoro

Rifondazione Comunista scende in piazza a Teramo su temi sociali e lavoro

rifondazione

Nella mattinata odierna il Circolo di Teramo del Partito della Rifondazione Comunista / Sinistra Europea, ha allestito un banchetto informativo in Largo S.Matteo a Teramo, durante il mercato settimanale, per proseguire la campagna nazionale del PRC sui temi sociali e il lavoro. I militanti di Rifondazione, con il Segretario cittadino Mirko De Berardinis, sono tornati in piazza per incontrare la cittadinanza e rilanciare le proposte del partito su pensioni, lavoro e ambiente.

Finora il governo PD – 5 stelle ha mantenuto in vita le scelte anti-popolari dei governi che l’hanno preceduto sui redditi, l’occupazione, i diritti: non cancella il Jobs Act e la Legge Fornero, non ha un piano per l’occupazione e la riconversione ecologica dell’economia, non cancella i decreti sicurezza di Salvini. Prosegue con politiche fiscali che favoriscono solo profitti e rendite per i ricchi. Così finirà per far crescere ulteriormente il consenso delle destre, invece di sconfiggerle.  

Rifondazione Comunista sostiene la cancellazione della Legge Fornero e l’introduzione del diritto alla pensione per tutti entro i 62 anni. Lottiamo per l’abolizione del Jobs Act e di tutte le altre norme che hanno precarizzato il lavoro con la giungla dei contratti interinali e per la reintroduzione dell’articolo 18 contro i licenziamenti senza giusta causa.

Occorre un piano nazionale d’investimenti per la creazione di posti di lavoro nella manutenzione e messa in sicurezza del territorio, nella ricostruzione post-terremoto, nella sanità, nella scuola e nei servizi pubblici.

Si possono reperire le risorse necessarie attraverso una vera lotta a tutta l’evasione fiscale, con una tassa sui grandi patrimoni (sopra 800 mila euro) e un consistente taglio delle spese militari.

Rifondazione Comunista fa appello a tutte e tutti per rilanciare ed unire le lotte, come in Francia, contro le politiche neoliberiste e capitaliste che hanno sottratto diritti e impoverito milioni di lavoratrici e lavoratori.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *