martedì, Ottobre 19, 2021
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per “LINEA BIANCA” del 25 gennaio alle 14 su RAI 1:  alla scoperta del’Etna

Anticipazioni per “LINEA BIANCA” del 25 gennaio alle 14 su RAI 1:  alla scoperta del’Etna

Linea Bianca
Anticipazioni per “LINEA BIANCA” del 25 gennaio alle 14 su RAI 1:  alla scoperta del’Etna Risultati immagini per linea bianca rai
Nere colate laviche sotto un manto nevoso: il prossimo appuntamento di “Lineabianca”, con Massimiliano Ossini e Giulia Capocchi, in onda sabato 25 gennaio, alle 14.00 su Rai1, sarà un viaggio a Catania, alla scoperta del’Etna, il vulcano più attivo d’Europa. Quota 2.900 metri sul livello del mare: sulle pendici del cratere Barbagallo, circondati da un mare blu cobalto che si staglia sullo sfondo, una spettacolare apertura del conduttore con Lino Zani e le guide alpine. La fatica di salire: il “Donkey Trekking”, una divertente avventura a dorso di mulo per ammirare lo straordinario panorama circostante. Un percorso lungo 4 chilometri, un susseguirsi di rapide, mulinelli e cascatelle nella cornice di incantevoli paesaggi mozzafiato: nel parco fluviale dell’Alcantara, l’adrenalinica esperienza del “river trekking”, divertente combinazione del trekking, dell’arrampicata e talvolta del nuoto lungo il fiume. 3.350 metri di altitudine e 35 chilometri di diametro alla base: in sorvolo con l’elicottero, con un vulcanologo dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, le attività di studio e monitoraggio dell’Etna. Una tratta di circa 110 chilometri, attraverso gli innumerevoli paesini che si incontrano alle pendici del vulcano: da Catania Borgo a Riposto, a bordo della Circumetnea, storica ferrovia inaugurata nel 1898, alla scoperta di suggestivi scorci lavici e dei paesaggi meno noti della Sicilia Orientale. Una materia prima di grande interesse che spicca per la particolare robustezza, resistenza e lavorabilità: a Misterbianco, in un caratteristico laboratorio, in mezzo ad imponenti blocchi, le straordinarie caratteristiche della pietra lavica.   Le meraviglie nascoste del “Mungibeddu”: sul versante nord del vulcano, nella cavità dei Ladroni, la genesi e le caratteristiche delle oltre duecento grotte dell’Etna.