mercoledì, 19 Febbraio, 2020
Home > Marche > Marche: istituito il Bando Salva – Castagneti. Il Rilancio delle aziende agricole del cratere

Marche: istituito il Bando Salva – Castagneti. Il Rilancio delle aziende agricole del cratere

marche

di Anna Maria Cecchini

La vicepresidente della Regione Marche, Anna Casini, ha partecipato ieri pomeriggio alla conferenza “Castagneti da frutto: una risorsa di crescita per le aree montane”, tenutosi presso la tensostruttura Parco Rio. Al completo il tavolo delle autorità, nell’intento di dare un chiaro messaggio alle comunità montane, colpite dal recente sisma del 2016.

“Continuate a resistere coraggiosamente e guardate al futuro con rinnovate speranza e forza, abbiamo il bando ed è previsto un investimento di 20.000 euro che aiuterà le imprese agricole forestali a ripulire il sottobosco dei castagneti, si provvederà alla loro potatura, verrà scongiurato l’abbandono della zona interna che potrebbe creare dissesti idrogeologici a valle”. Il sindaco di Acquasanta, Sante Stangoni, il Presidente della Provincia di Ascoli Sergio Fabiani, il dirigente Roberto Luciani che si occupa di multifunzionalità e internazionalizzazione dell’impresa agricola e agroalimentare e SDA di Ascoli Piceno e Fermo, Giulio Ciccalè, funzionario di interventi forestali e d’irrigazione SDA di Ancona, i Presidenti delle Unioni montane del Tronto e dei Monti Sibillini, tra i quali l’arquatano Michele Franchi, presidente della comunità del Parco Nazionale dei Sibillini, hanno accolto la vicepresidente della Regione Marche Anna Casini e ascoltato il suo messaggio per un forte rilancio delle zone colpite dal sisma.

La maggiore produzione autoctona di castagne e suoi derivati è infatti concentrata nelle zone interne, colpite e offese, previsto quindi un investimento dal nuovo nato Bando col duplice intento di ripristinare la produttività e promuovere, valorizzare e diffondere i prodotti agricoli, agroalimentari delle aree del cratere 2016. Essenziali ed individuati gli interventi atti a scongiurare l’abbandono delle zone montuose che rappresentano la quasi totalità della superficie castanicola regionale e a prevenire i disastri idrologici. Previsti su tre fronti gli interventi agronomici e servicolturali si concentreranno sul 1) ripristino colturale e produttivo, dei castagneti da frutto abbandonati e di quelli in attualità di coltura, 2) miglioramento biologico e produttivo di tutte le tipologie di castagneto da frutto, 3) difesa dagli ungulati ( in particolare dai cinghiali).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994 al 2015 ha collaborato regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero, Il Resto del Carlino, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Nel 2009 è direttore del quotidiano teramano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Ora direttore della testata giornalistica on line la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *