lunedì, Ottobre 25, 2021
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per “PASSATO e PRESENTE” del 27 gennaio alle 13,15 su RAI 3: la liberazione di Auschwitz

Anticipazioni per “PASSATO e PRESENTE” del 27 gennaio alle 13,15 su RAI 3: la liberazione di Auschwitz

liberazione di auschwitz

Anticipazioni per “PASSATO e PRESENTE” del 27 gennaio alle 13,15 su RAI 3: la liberazione di Auschwitz

Risultati immagini per la liberazione di auschwitz rai

Il campo di concentramento di Auschwitz, entrato in funzione nell’estate del 1940, si compone di tre campi principali e 46 sottocampi. Inizialmente è destinato a raccogliere i prigionieri di guerra e i tanti civili, soprattutto ebrei, che vengono rastrellati dall’esercito nazista nel suo percorso di conquista in Europa. I deportati sono destinati al lavoro forzato e nel corso della guerra milioni di prigionieri-schiavi, ad Auschwitz e negli altri lager nazisti, contribuiscono a mandare avanti l’industria civile e quella bellica della Germania. Una pagina di storia riletta da Paolo Mieli e dal professor Alessandro Barbero a “Passato e Presente”, il programma di Rai Cultura in onda in occasione della Giornata della Memoria, lunedì 27 gennaio alle 13.15 su Rai3 e alle 20.30 su Rai Storia. Quando viene decisa la “soluzione finale della questione ebraica”, ossia lo sterminio di tutti gli ebrei d’Europa, il lager numero 2, Auschwitz-Birkenau, diventa il principale campo di sterminio del Reich. Oltre un milione e mezzo di persone vengono uccise nelle camere a gas, un milione delle quali ebree. Ma nel campo si muore anche per le terribili condizioni di vita, per la fame, le malattie, il lavoro forzato, le esecuzioni sommarie. 
Il 27 gennaio 1945 i soldati dell’Armata rossa arrivano ad Auschwitz e liberano il campo, abbandonato qualche giorno prima dalle truppe tedesche in rotta. Lo spettacolo che si presenta loro è spaventoso. Settemila prigionieri, tra i quali settecento bambini, vagano come fantasmi in cerca di cibo per sopravvivere. Molti di loro, con il fisico stremato, muoiono dopo la liberazione. I russi effettuano anche riprese filmate e le drammatiche immagini saranno usate al processo di Norimberga come prove dei crimini nazisti.