sabato, Ottobre 16, 2021
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per “BASTA LA SALUTE” del 29 gennaio su RAI NEWS alle 13.30: vaccini, nuovi farmaci anti cancro, tiroide e un microchip antitrauma

Anticipazioni per “BASTA LA SALUTE” del 29 gennaio su RAI NEWS alle 13.30: vaccini, nuovi farmaci anti cancro, tiroide e un microchip antitrauma

basta la salute 18 marzo

Anticipazioni per “BASTA LA SALUTE” del 29 gennaio su RAI NEWS alle 13.30: vaccini, nuovi farmaci anti cancro, tiroide e un microchip antitrauma

Risultati immagini per basta la salute rai news 24

Nell’appuntamento di mercoledì 29 Gennaio con “BastaLaSalute”, la trasmissione curata e condotta da Gerardo D’Amico in onda alle 13.30 ed alle 21.30 su Rainews24, si parla di:


Vaccini per adulti,  da quello contro il Papilloma virus allo pneumococco all’Herpes Zoster, e poi ci sono i richiami da non dimenticare. Intervista a Roberto Ieraci, del servizio vaccinale della ASL RM1 di Roma.

Farmaci epigenetici contro il cancro, è la nuova frontiera, affiancano l’immunoterapia per indicare al sistema immunitario le cellule neoplastiche da attaccare . Ne parla il pioniere della immunoterapia, Michele Maio del Centro Nibit di Siena.

Tiroide, anche se non ci sono i sintomi in alcune persone possono essere importanti i danni di un malfunzionamento di questa ghiandola. Intervista a Claudio Marcocci, direttore di Endocrinologia 2 all’Ospedale di Pisa uno dei primi centri in Italia a specializzarsi sui problemi della tiroide.

E poi, un microchip antitrauma, messo a punto dalla Scuola Normale Superiore di Pisa in collaborazione col CNR: con una goccia di sangue e dei marcatori si riescono ad intercettare particolari molecole che rilascia il cervello quando subisce un trauma. In prospettiva si ridurrebbe la necessità di sottoporre a Tac o risonanza i milioni di italiani che arrivano al pronto soccorso dopo un trauma. Intervista a Matteo Agostini, ricercatore della Normale.

Infine, la nuova legge in discussione al Senato per inasprire le pene per chi maltratta gli animali e stabilire un daspo che impedisca di possedere un animale a chi sia condannato per questi reati. Ne parla Gianluca Felicetti, presidente della LAV.