venerdì, Marzo 5, 2021
Home > Abruzzo > Sicurezza, Campitelli: “In Val di Sangro un presidio di Polizia”

Sicurezza, Campitelli: “In Val di Sangro un presidio di Polizia”

presidio

Lanciano – Un presidio di sicurezza permanente per garantire la presenza costante di uomini delle forze dell’ordine nell’area industriale della Val di Sangro. Lo ha annunciato l’assessore Nicola Campitelli dopo gli ultimi episodi di criminalità registrati nella zona. L’Arap, su richiesta della Regione Abruzzo, metterà a disposizione delle forze dell’ordine un fabbricato, attualmente in disuso in Contrada Saletti, nel Comune di Atessa, per ospitare un presidio di Polizia.

«Non è tollerabile che nella zona industriale di Val di Sangro, motore economico e produttivo della nostra regione, continuino a verificarsi episodi di criminalità, in grado di influenzare negativamente il senso di sicurezza percepito dalla popolazione e dalle aziende presenti sul territorio – ha osservato l’assessore Nicola Campitelli -. Ho inviato una lettera agli enti competenti per informare che la Regione e l’A.R.A.P. hanno manifestato la volontà di mettere a disposizione del territorio della Val di Sangro un fabbricato nei pressi della rotonda Madonna della Valle, nel Comune di Atessa, per istituire un presidio di sicurezza permanente».

Si tratta di un immobile di due piani ubicato nel cuore della zona industriale, costruito 15 anni fa e mai utilizzato. «Nei mesi scorsi – ha aggiunto Campitelli – ci sono state proficue interlocuzioni con il Presidente dell’A.R.A.P., Giuseppe Savini, che desidero ringraziare per la disponibilità e la collaborazione nell’individuare un fabbricato nell’area. Con questa proposta intendiamo offrire anche un supporto concreto al lavoro prezioso che ogni giorno le forze di polizia svolgono nelle attività di prevenzione alla criminalità in un territorio molto vasto. Auspichiamo – conclude l’assessore – un positivo e celere riscontro da parte delle autorità interessate all’iniziativa». L’assessore Nicola Campitelli ha inviato la nota al Ministero dell’Interno, al Ministero della Difesa, alla Prefettura di Chieti e ai sindaci del territorio.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *