martedì, Dicembre 1, 2020
Home > Mondo > Primarie Dem in USA: Biden vs Buttigieg

Primarie Dem in USA: Biden vs Buttigieg

primarie

Dopo lo svolgimento delle primarie in IOWA (da quarant’anni il primo stato in cui si comincia il ciclo di primarie negli Stati Uniti) un terremoto sta attraversando i Democratici e le loro correnti. In particolare il vice di Obama, punta allo scontro con il Rookie, già sindaco di South Bend (Indiana), Pete Buttgieg.

Pete Buttigieg è sicuramente la rivelazione di questo ciclo di primarie democratiche, appena iniziate con l’obbligatoria tappa dei caucus in Iowa, che lo hanno visto contendere il primo posto a Bernie Sanders (mancato per un soffio) e prendere le distanze da un’agguerritissima Warren, terza.

Joe Biden, ex vicepresidente di Obama, dato per favorito dai più, si vede confinato al quarto posto, ma con un gran distacco dai tre “volti nuovi” della politica americana. E così contrattacca.

Sanders punta certamente ad un elettorato più radicale, definendosi tranquillamente un socialista, che negli USA non è cosa da poco, quindi Biden potrebbe voler intercettare l’elettorato del sindaco Pete, omosessuale, sposato, veterano del Medio Oriente… ma soprattutto stimato sindaco!

“Credo che siamo un partito a rischio se nominiamo qualcuno che non ha mai ricoperto una carica più alta di quella di sindaco di South Bend, Indiana”, ha dichiarato Joe Biden in New Hampshire, dove domani si terrà la seconda tappa delle elezioni primarie.

Ed anticipando i tempi, si gioca anche l’asso: da questo weekend gli americani hanno potuto godere della visione televisiva di uno spot elettorale particolarmente interessante che vede l’ex vicepresidente al fianco del presidente Obama cambiare radicalmente l’apparato pubblico americano, a fronte di un mediocre sindaco che installa lampioni e ripara marciapiedi.

Se Buttigieg sarà o meno il nuovo Obama lo vedremo nel corso della lunga campagna elettorale che ci divide dalla sfida finale, che vedrà il vincitore delle primarie democratiche sfidare il presidente uscente Trump alla guida della Casa Bianca. Nel frattempo, Bloomberg scalda i motori e prepara una discesa in campo, ufficializzata ma non ancora esercitata e per la quale sono stati già spesi 200 milioni di dollari.

Andrea Zappelli

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *